Cronaca » Uta

Vertenza Aias, licenziato il quarto sindacalista: è Michele Serra

Venerdì 19 Gennaio alle 10:49


Michele Serra

Si è concluso con il licenziamento per giusta causa, il provvedimento disciplinare avviato dall'Aias contro Michele Serra, 53nne autista nel centro di Uta e dirigente territoriale Cgil.

Serra è il quarto sindacalista licenziato dall'azienda in un anno dopo Roberto Fallo (Cisl), Armando Ciosci (Usb) e Antonello Repetto (Cisnal), anche loro da 10 anni impegnati nella vertenza in difesa dei lavoratori, al momento in attesa di otto mensilità arretrate.

Serra a novembre aveva ricevuto una contestazione d'addebito per aver rilasciato dichiarazioni a mezzo stampa "contenenti elementi inaccettabili che integrerebbero elementi lesivi della dignità e del buon nome dell'associazione ed eventuali ipotesi di reati".

L'11 dicembre si era poi tenuta l'audizione durante la quale gli avvocati di Serra, Giulia Manca e Rosaria Perra, avevano fornito le giustificazioni del loro assistito all'Aias.

Tantissimi i messaggi di solidarietà dei colleghi, ai quali Serra ha risposto con un post su Facebook: "In tutti questi anni quasi 26 penso di aver fatto sempre bene i mio lavoro, mai un richiamo, sono sempre stato considerato un lavoratore da prendere da esempio. Ma in questa azienda non serve la meritocrazia: sono stato licenziato per la mia attività sindacale per aver rivendicato per me e per i miei colleghi il diritto fondamentale dello stipendio pagato regolarmente".

IL POST SU FACEBOOK:

Il post di Serra

 
una delle tante proteste dei dipendenti aias
Aias, otto stipendi arretrati: sindacati pronti alla mobilitazione

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • 301603 20/01/2018 00:30:01

    Se la Sardegna avesse un governo regionale e un assessore alla sanità di qualche valore, non avrebbe permesso questa vergogna,ma avrebbe pagato direttamente gli stipendi ai lavoratori e non all'Aias, come sta continuando a fare. Ma state tranquilli che gli elettori si ricorderanno tutto: Jobs act, art. 18, vitalizi, legge Fornero, e tutte le altre porcate fatte ín questi anni. Solidarietà al sindacalista, perché possa trovare al più presto una soluzione.
  • alexander5 19/01/2018 13:36:53

    grazie al pd e al patto del nazareno per jobs acts e mortificazione dei diritti dei lavoratori con l'abolizione dell'art.18...vi siamo riconoscenti...e il 4 marzo ve lo dimostreremo
  • brunobruno 19/01/2018 12:35:48

    Da ringraziare Renzi che ha fatto quello che aveva richiesto Berlusconi ABOLIZIONE DELL'ART. 18!!! Incredibile che i lavoratori possano essere licenziati in questo modo. Qui siamo davanti a un padre di famiglia che chiede giustamente di essere pagato.