Cronaca » Provincia di Milano

Coppia dell'acido, la Cassazione conferma: "Il figlio va adottato"

Venerdì 19 Gennaio alle 13:02 - ultimo aggiornamento alle 20:39


La Cassazione ha confermato l'adottabilità del bambino nato dalla relazione tra Martina Levato e Alexander Boettcher, responsabili delle aggressioni con l'acido a Milano.

Il bimbo ha ormai due anni e mezzo e vive in una casa famiglia, dove periodicamente riceve le visite dei genitori e dei nonni.

La Suprema Corte ha inoltre respinto i ricorsi dei nonni del bambino, che si erano proposti per adottarlo.

Anche il pg della Cassazione aveva chiesto di affidare il piccolo ai nonni, perché, aveva detto, "i figli non si tolgono neanche ai mafiosi e ogni bambino ha diritto a crescere nella famiglia in cui è nato".

Martina Levato è stata condannata in via definitiva a 12 anni di carcere, Boettcher, ritenuto dai giudici "il vero ideatore delle aggressioni", a 14 anni.

IL RICORSO - L'avvocato della Levato, Laura Cossar, è pronta al ricorso alla Corte Europea. "Andremo a Strasburgo, anche se difficilmente, purtroppo, ci potrà portare indietro il bambino", spiega.

(Unioneonline/L)

 
alexander boettcher
Coppia dell'acido: "Boettcher ideatore, non semplice spalla della Levato"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • Sorigumaccu 19/01/2018 19:26:23

    Ormai va di moda dire che si farà il ricorso a Strasburgo, abituati in Italia che per ogni baggianata si ricorre fino alla cassazione vedendoseli accolti. Fuori dai confini le cose non funzionano così, tant'è che non si hanno mai notizie di questi casi alla corte europea!
  • trabant 19/01/2018 18:09:42

    Ci mancherebbe altro. Se si vuol dare un minimo di possibilità di riscatto al bambino, quest’ultimo dev’esse Tenuto distante anni luce da due genitori crudeli e criminali.
  • semur 19/01/2018 13:43:26

    vorrei sapere che male ha fatto quel bambino per non poter ricevere l affetto materno. hanno punito il bambino! in compenso ha reso felice una casa famiglia (€€€ al giorno)