Cronaca » Bosa

Agente sardo morto in servizio: "Quanto valeva la sua vita?"

Mercoledì 17 Gennaio alle 14:07 - ultimo aggiornamento Giovedì 18 Gennaio alle 10:50


Francesco Pischedda

Francesco Pischedda era un agente di polizia di 28 anni che, l'anno scorso in provincia di Lecco, è morto mentre inseguiva un ladro.

Precipitato da un cavalcavia alto sette metri, era rimasto a terra in attesa dei soccorsi "per un'ora e mezza", è emerso dalle indagini, mentre il malvivente, ritenuto in condizioni peggiori, aveva avuto priorità.

Ora la Procura ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo e omissione di soccorso.

"L'Amministrazione - scrive il Coisp, sindacato indipendente di polizia - deve costituirsi in giudizio. Quella era una tragedia che si poteva evitare".

Domenico Pianese, segretario generale del sindacato, parla di un dolore "insopportabile e un’indignazione sconvolgente, perché non solo la morte del giovane collega avrebbe potuto e dovuto essere evitata con una diversa dotazione di servizio, ma oggi porta con sé anche l’orrenda ipotesi che questo eroico servitore dello Stato sia stato lasciato morire".

"La vita di un poliziotto - aggiunge - deve valere più del poco che, al momento, sembra valga per alcuni".

Pischedda, originario di Bosa, "è rimasto vittima della violenza di un fuggitivo cui ha reagito con le sue sole mani. Un taser o un banale spray avrebbero reso innocuo l’aggressore senza che questo costasse la vita a un poliziotto, e ovviamente anche l’arma di ordinanza avrebbe potuto impedirne il decesso. Ma, come purtroppo non è certo un mistero, i poliziotti devono fare i conti con la paura di morire o, se si difendono, di finire sul banco degli imputati. Una paura dettata da un sistema che non li tutela e non fa nulla per alimentare la continua 'caccia alle divise'".

Nel 2014 l'agente sardo era stato premiato con la lode per il suo lavoro e solo nove mesi prima di morire era diventato padre di una bimba.

(Unioneonline/s.s.)

LA MORTE DEL POLIZIOTTO:

 
francesco pischedda (foto da facebook)
Lecco, colluttazione dopo inseguimento: muore poliziotto originario di Bosa

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

8 commenti

  • Queneau 23/01/2018 18:44:10

    Vediamo se riuscite a rispondere alla domanda iiniziale : quanto dovrebbe guadagnare un poliziotto?
  • CCMascia 18/01/2018 11:02:32

    Lo Stato tutela i delinquenti non i tutori dell'ordine. Ma cosa ci si può aspettare se tra chi ci governa la metà dei componenti è stata indagata e parte condannata? Poi troviamo tanti che la pensano come quel poveretto di Queneau. I poliziotto o Carabiniere che sia NON è pagato per farsi ammazzare o per subire violenze da parte di certi imbecilli. Ma a troppi va bene così.
  • user235755 18/01/2018 09:08:46

    Caro Quenau sei davvero penoso. Non so in che mondo vivi e non so a quali strumenti ti riferisci. La tua si che mi pare la solita retorica buonista dei "sinistri" e dei qualunquisti che, soprattutto coi loro voti, hanno portato il Paese fino a questo punto. Per quanto riguarda la questione della priorità nei soccorsi, se le stanno come indicato nell'articolo, posso solo aggiungere che è una vera vergogna!
  • Queneau 17/01/2018 19:57:21

    @dimoniu79: G8 Genova docet potevi risparmiartelo, perché i soprusi commessi dalle forze di polizia in quella circostanza sono stati innumerevoli. Lasciando perdere le storture e parlando degli strumenti, io ho sempre visto i poliziotti armati e investiti dell'autorità di fermarti, perquisirti, arrestarti, anche senza un preciso supporto legale. Il citato ex art.54 è a tutela della democrazia per evitare che si viva in uno stato di polizia.
  • dimoniu79 17/01/2018 17:31:28

    Queneau 17/01/2018 16:11:32 scusa domanda? Quali strumenti? Forse non conosci certi leggi.. Ex articolo 54 la difesa deve essere pari all'attacco.. In parole povere se ti massacrano di colpi non estrarre pistola o manganello.. Ma fatti pestare a morte.. Se strilli contro di loro commetti il reato di violenza psicologica.. Se provi a far rispettare le leggi e la legalità perdi lavoro e vai in tribunale.. G8 Genova docet.. Ora dimmi tu quanto vale la vita di un uomo in divisa??
  • Queneau 17/01/2018 16:11:32

    La morte di un giovane padre dovrebbe lasciar spazio solo al cordoglio, invece non si riesce mai a rinunciare alla retorica. Ma quanto dovrebbe guadagnare un poliziotto? Non siamo mica bel Far West. L'agente di polizia fa un lavoro come un altro e per i rischi che corre ha gli strumenti idonei a prevenirli e fronteggiarli. Tanto rispetto per il lavoro delle forze dell'ordine (come per tutti i lavoratori), ma la retorica proprio no.
  • andomar 17/01/2018 15:29:21

    Quanto affermato dal sindacato è vero e giusto. Lo Stato non tutela con le sue Leggi chi per la strada deve farle rispettare e spesso si scontra con chi le Leggi le interpreta e le applica nei palazzi del giudizio... Il tema è comunque delicato e necessiterebbe di norme a garanzia non solo di chi delinque, ma anche degli operatori/cittadini ... Nel frattempo resta valido per tutti il detto: "Meglio un brutto processo che un bel funerale"!
  • aduquodd 17/01/2018 14:57:21

    Che schifo, pienamente d'accordo con il sindacato, io per uno stipendio statale non rischierei mai la vita per tutelare delle persone che non sanno i rischi che corro quotidianamente e lasciare orfana di padre una creatura di 9 mesi