Cronaca » Cagliari

Servitù militari in Sardegna
Oggi la firma Pigliaru-Pinotti

Lunedì 18 Dicembre 2017 alle 09:14 - ultimo aggiornamento Lunedì 18 Dicembre 2017 alle 15:49


Verrà firmata oggi l'intesa sulle servitù militari in Sardegna.

Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, e il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, si incontreranno per siglare il documento secondo il testo approvato dal Consiglio regionale la settimana scorsa.

Il governatore ha ottenuto dall'aula il sì per la revisione alla presenza militare nell'Isola: l'intesa riguarda in particolare la sospensione delle esercitazioni nel periodo compreso tra giugno e settembre, oltre agli osservatori ambientali indipendenti nei poligoni.

(Unioneonline/s.s.)

IL VOTO:

 
il lago omodeo
Servitù, il Consiglio regionale approva due ordini del giorno: "Basta esercitazioni nel lago Omodeo"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

14 commenti

  • FilonediLa_ 18/12/2017 16:28:54

    Parole, parole, parole Parole parole, parole Parole, parole, parole Parole, parole, parole Parole, parole, parole Soltanto parole Parole tra noi.... ........Solo campagna elettorale...VERGOGNA!!!
  • sar2010 18/12/2017 14:55:56

    Ma io dico, abbiamo tutte le possibilità quando andiamo a votare di far valere il nostro pensiero! ... e allora, perché non lo facciamo? Perché continuate a votare partiti che stanno dalla parte di chi usa e abusa del territorio sardo?
  • Agos65 18/12/2017 14:55:16

    Le esercitazioni venivano già sospese in passato. Se non sbaglio, a Porto Pino ed a Murtas. Il problema VERO è che manca coraggio! Sia da Sx sia da Dx sia dagli Indipendentisti! Solo con azioni forti,risolute e che coinvolgano gran parte se non tutta la popolazione,la Sardegna tornerà padrona delle proprie terre!
  • Miro78 18/12/2017 14:48:35

    Sardus 10 hai detto bene noi sardi non riceviamo abbastanza(tranne circa 7000 busta paghe di soldati della brigata sassari che non avrebbe luogo di esistere senza spazi adeguati per le esercitazioni più l indotto) ma avremmo dovuto pretendere che qualsiasi materiale utile agli altri reparti del continente ed eserciti stranieri dovesse essere acquistato in loco, invece protestiamo invece di sfruttare le occasioni che si presentano
  • Tessitore 18/12/2017 14:29:41

    Oggi, la firma Pigliaru Pinotti in cambio del solito piatto di lenticchie.
  • Sardus10 18/12/2017 14:00:30

    x Miro 78..invece, carissimo, gli Indipendentisti e non solo continueranno nella protesta, perche' la superficie e' sempre esagerata, quella che viene utilizzata, e dovrebbe essere pari a quella che serve alla nostra Brigata , la Sassari, Sarda, non Italiana, caro, quindi Teulada va' piu' che bene e avanza, per le esercitazioni degli altri Paesi che vengono e lasciano un botto di soldi du cui a noi non va nemmeno un centesimo, be quelle possono farle nelle altre Regioni Italiane.
  • gzola 18/12/2017 13:53:59

    La solta sparata per ottenere qualche voto in più... Purtroppo la realtà è che tutto rimarrà come sempre
  • Pasquino2000 18/12/2017 13:42:44

    Aria fritta elettorale, non cascateci.
  • alexander5 18/12/2017 12:50:44

    mi pare non cambi niente...l'inquinamento e i disagi, sopratutto a Teulada, rimangono
  • Miro78 18/12/2017 11:55:27

    Speriamo che ora questa buffonata finisca cosi gli pseudopacifisti gli pseudoindipendentisti la finiscono di protestare contro le basicredenziali come se fossero il male della Sardegna