Cronaca » Teulada

Servitù militari, firmata l'intesa
"Meno esercitazioni, più tutele"

Lunedì 18 Dicembre 2017 alle 15:49 - ultimo aggiornamento Lunedì 18 Dicembre 2017 alle 20:29


Il ministro Pinotti con il governatore Pigliaru e la delegazione di sindaci sardi

Ministero della Difesa e Regione Sardegna rinnovano l'intesa sulle servitù militari.

La firma del protocollo tra il ministro Roberta Pinotti e il governatore Francesco Pigliaru è avvenuta oggi, a Roma.

LE NOVITÀ - Tra le principali novità contenute nel documento, che regola la presenza e l'attività dei poligoni militari sull'Isola, spiccano lo stop alle esercitazioni dal 1 giugno al 30 settembre e l'attività di team di osservatori per il monitoraggio dei dati ambientali nelle zone interessate.

"RINNOVATA FIDUCIA" - Il presidente Pigliaru ha parlato di "rinnovata fiducia" tra Sardegna e forze armate, sottolineando come l'accordo aumenti di "un mese, un mese e mezzo" il periodo di sospensione delle esercitazioni, con positive ripercussioni per gli enti locali nel periodo estivo, e evidenziando il fatto che la presenza degli osservatori contribuisca a dare risposte alle richieste di "trasparenza" della popolazione, "contribuendo a rasserenare gli animi".

Il tweet del ministero

BONIFICHE E INNOVAZIONE - Pigliaru ha anche accennato alle bonifiche, ribadendo che "chi inquina paga", e alla possibilità di fare dei poligoni, al di là dell'attività di difesa, delle "piattaforme in grado di attrarre ricerca e innovazione", anche civile, con positive ricadute sul territorio e l'economia.

I rappresentanti delle amministrazioni locali
I rappresentanti delle amministrazioni locali

7.000 MILITARI - Dal canto proprio, il ministro Pinotti si è detta "soddisfatta" dell'intesa, ricordando il legame storico tra forze armate e Sardegna, dove sono presenti circa settemila militari, con un indotto di circa 300 milioni di euro.

"Questo è un protocollo importante e impegnativo", ha aggiunto. "Alla Sardegna la Difesa chiede solo quello che è essenziale, come l'area di Teulada, lasciando da parte ciò che non lo è. Vogliamo che si viva la presenza della Difesa non come un peso, ma come una risorsa".

GLI INDENNIZZI - Ministro e governatore hanno anche toccato il tema degli indennizzi alle comunità locali.

Al proposito Pinotti ha assicurato "estremo impegno" per far sì - questo l'obiettivo - che gli indennizzi vengano erogati annualmente e non più ogni quattro-cinque anni.

(Redazione Online/l.f.)

SODDISFATTI DELL'ACCORDO?

 
la firma del protocollo
Nuovo protocollo sulle servitù militari: che ne pensate?

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

12 commenti

  • Sardus10 19/12/2017 17:12:38

    xfranknews: ma ti rendi conto, che le discariche dei paesi a cielo aperto di cui parli sono il frutto di anni di Politica Sarda legata ai partiti Italiani, tale a quale a quel che succede nel Continente? il fatto e' che gli Indipendentisti in Sardegna non hanno mai governato, i partiti Italiani lo fanno da sempre e vedi i risultati...almeno abbi un briciolo di coscienza per redimerti, che quelli che ci hanno portato alla fame sono quelli come te, che appoggiano il nulla da sempre.
  • user220836 19/12/2017 11:07:59

    Se fosse un governatore di altro partito, il PD lo accuserebbe di voto di scambio...strano, che tutti questi regali natalizi, arrivino due mesi prima delle elezioni. C'è un detto, che dice, su burriccu saedu, du vrigasa una borta scetti, staremo a vederte...con tutti questi miglioni per le periferie...questi accordi sulle servitù...
  • franknews 19/12/2017 10:54:18

    Accidenti!!! Questi indipendentisti che scrivono quà sotto, sono tutti esperti di servitù militari, di politica nazionale, di sviluppo del territorio, di salute pubblica e di inquinamento ambientale ( date uno sguardo alle periferie delle città e dei paesi sardi, una discarica a cielo aperto!!!) Se dovessimo seguire le loro idee di indipendentismo, noi sardi moriremo di fame in pochi anni.
  • user213094 19/12/2017 09:42:40

    Che razza di "intesa" può scaturire in materia di servitù militari tra lo stato italiota (rappresentato per di più da un ministro militarofilo e guerrafondaio) e la Sardegna (rappresentata da un debole retorico "governatore" proconsole di Roma)? E' come offrire un palliativo a chi sta per passare a miglior vita. Altro che "legame storico", di occupazione militare si muore! Ma loro hanno parlato di "indotto", di puntualità nella corresponsione degli "indennizzi", ma di libertà e futuro, NO!
  • dodo52 19/12/2017 08:37:51

    Mi auguro che gli osservatori non vengano nominati solo ed esclusivamente da chi deve essere osservato, diversamente, sarebbe una vera e propria beffa
  • cicciobello7 19/12/2017 06:31:53

    ma quali tutele ? ci sara l'uranio meno impoverito ? ci vogliono migliaia di anni di bonifiche , LA SALUTE non si vende
  • user236002 18/12/2017 21:27:27

    La restituzione della spiaggia di Portu Tramatzu questa è già una spiaggia libera asservita ai militari per una porzione per usi balneari grazie ad una concessione del demanio Regionale del 1994. Altro ci saremmo aspetati da questo accordo, la dimissione del poligono armi leggere sul retro di portu Tramatzu creato solo per impedire il restringimento dei territori impegnati, la riduzione della servitù nella piana di Foxi e la restituzione delle "Is Arenas Biancas".
  • user236002 18/12/2017 21:16:39

    Mi chiedo quali siano per Teulada i benefici di questo accordo, 1. l'interruzione delle esercitazioni è già dal 1° giugno al 30 settembre, gli indennizzi si dovevano già accreditare anno per anno, questi sono stati concessi sulla carta mai accreditati nelle casse comunali perchè inspendibili per il patto di stabilità.
  • alexander5 18/12/2017 19:38:28

    @user235427; mi dispiace deluderla; legga bene i termini dell'accordo...quello che Lei spera non accadrà.
  • Sardus10 18/12/2017 19:31:20

    i rappresentanti della amministrazioni locali con la fascia tricolore sono sinceramente ridicoli, danno l'impressione di piccoli sorci affamati che aspettano le briciole sotto il tavolo dove i grassi padroni italiani banchettano con il nostro territorio...almeno Pigliaru, nella sua mediocrita' ha evitato..come ho detto una volta ad un mio conoscente amministratore piu' o meno nella stessa situazione: "guarda che non siete obbligati a mettere la fascia, e' una scelta"...di sottomissione.