Cronaca » Carbonia

Le notti brave dei ragazzini: "Soli in discoteca a 12 anni"

Domenica 17 Dicembre 2017 alle 13:31


Immagine simbolo

Adolescenti, se non addirittura bambini, in giro per la città sino alle 6 del mattino dopo una notte in discoteca. Hanno tredici, quattordici e, alcuni, dodici anni: il sabato notte dovrebbero stare a letto ed invece all'alba sono reduci da una lunga serata trascorsa in giro. Un'assurdità emersa con un pesante carico di sconcerto due sere fa nel corso del seminario che il Comune di Carbonia e Ifos hanno dedicato ai rischi commessi alla navigazione on line dei minori.

ALLARME - A Carbonia si sta pericolosamente facendo largo un altro fenomeno, confermato da alcuni genitori al delegato regionale Luca Pisano (consulente della commissione parlamentare sui crimini informatici): "Di recente - ha detto - da Carbonia ci sono arrivate tre segnalazioni sulla presenza di minori addirittura di 12 anni in discoteca: follia non meno grave dell'abuso dei social network di cui i minorenni (e non solo) sono capaci se non opportunamente educati".

La conferma dei genitori non s'è fatto attendere: "Purtroppo è vero - sottolinea Alessandra Tresalli - scandalizza non tanto la discoteca, ma il fatto che ci siano genitori che autorizzino ragazzini di 13-14 anni, che poi postano su Fb le loro notti, a stare in giro sino all'alba".

LA RETE - Nessuno criminalizza le discoteche, ma alla luce dei fatti il Comune ha deciso di alzare il livello di guardia "nei confronti di genitori - avverte Loredana La Barbera, assessore alle Politiche sociali - che letteralmente abbandonano una notte al proprio destino i figli poco più che bambini: non escluderei neppure risvolti da Codice penale". Come è penalmente rilevante, ovviamente, ogni forma di trasgressione che si può manifestare sul web e che ha portato anche Carbonia ad aderire all'invito dell'Osservatorio: nasce in città il gruppo "Rete Genitori Digitali" per ricevere consulenza, controllare per quanto possibile il comportamento dei giovani e segnalare episodi di devianza on line anche con l'istituzione di comitati digitali scolastici.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • user227469 18/12/2017 14:13:44

    Che senso ha creare questo gruppo se poi ci sono ragazzini autorizzati a frequentare le discoteche? Secondo me deve nascere un gruppo di controllo per i genitori
  • Giano 17/12/2017 16:52:45

    Questi sono i ragazzi che, secondo la ministra dell'istruzione Fedeli, sono così ingenui e indifesi, che i genitori dovrebbero andare a prenderli per accompagnarli a casa, all'uscita dalla scuola per difenderli da eventuali pericoli. Poi vanno da soli in discoteca fino alle sei del mattino. Conclusione; qualcuno scemo in circolazione c'è. Indovinate chi.
  • MORESCHINI 17/12/2017 14:42:45

    A certi genitori andrebbero tolti i figli visto che non sono in grado di educarli ! Inoltre in un paese civile i bambini non potrebbero uscire dopo le 22 !! Poi ci si lamenta se nascono teppisti,tossici e delinquenti ! Edo
  • mirkos70 17/12/2017 14:25:17

    tale padre tale figlio....sicuramente discotecaro incallito