Cronaca » Senorbì

Senorbì, contestata in Comune la concessione per 20 anni della Casa di riposo

Sabato 16 Dicembre 2017 alle 19:30 - ultimo aggiornamento Sabato 16 Dicembre 2017 alle 20:02


La Casa di riposo di Senorbì

Il Comune di Senorbì intende affidare la Casa di riposo comunale in concessione a una ditta privata per 20 anni.

"La ditta che risulterà vincitrice di un apposito bando dovrà realizzare l'adeguamento alle norme di sicurezza e la ristrutturazione della struttura. È evidente che i costi, molto rilevanti, verranno recuperati in 20 anni sulle rette mensili che pagano gli anziani ospiti", sostiene Luigi Conti, esponente della minoranza consiliare che, in aula, ha votato contro la delibera che prevede l'affidamento della struttura.

"Vent'anni sono un tempo molto lungo nel quale il Comune avrà le mani legate sul servizio - continua Conti - inoltre si espone al rischio delle incertezze riguardanti la stabilità dell'impresa in un periodo così a lunga scadenza".

Il consigliere di opposizione ricorda che "per adeguare e completare la Casa di riposo al fine di ospitare gli anziani totalmente non autosufficienti sono già stati spesi a più riprese rilevanti somme".

La preoccupazione è legata al fatto che, per recuperare i costi degli interventi ancora da realizzare, la ditta affidataria potrebbe essere costretta ad aumentare le rette per gli ospiti.

"Per evitare un tale scenario sarebbe preferibile seguire la via dell'intervento diretto comunale con un finanziamento regionale", conclude Luigi Conti.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook