Ciclismo Triathlon » Gran Bretagna

Ciclismo, Chris Froome trovato positivo alla Vuelta. "Mi curavo l'asma"

Mercoledì 13 Dicembre 2017 alle 08:45 - ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Dicembre 2017 alle 11:48


Un'altra tegola cade sul mondo del ciclismo.

Chris Froome, considerato uno dei più grandi campioni di questi tempi, è risultato positivo al'antidoping lo scorso 7 settembre proprio durante l'ultima edizione delle Vuelta.

ll campione britannico del Team Sky, che in questa stagione ha messo a segno la doppietta Tour-Vuelta, è risultato positivo al "salbutamolo".

Le contronalisi, ha informato l'Uci in un comunicato stampa, hanno confermato la positività di Froome. L'Unione Ciclistica Internazionale ha anche precisato che Froome non è sottoposto alla "sospensione provvisoria obbligatoria" in ragione della natura della sostanza incriminata. Ossia, Froome non è stato sospeso perché la sostanza è stata assunta a fini terapeutici.

Intanto il campione si difende: "È noto che soffro di asma e so esattamente quali sono le regole. Uso un inalatore per gestire i miei sintomi, ma tenendomi sempre entro i limiti consentiti. Indossando la maglia di leader della corsa sapevo che sarei stato sottoposto a controlli ogni giorno. La mia asma è peggiorata durante la Vuelta, quindi ho seguito il consiglio del medico di aumentare il dosaggio di Salbutamolo, ma prestando sempre la massima cura a non superare i limiti consentiti. Prendo molto sul serio il mio ruolo in questo sport e l'Uci fa assolutamente bene a esaminare i risultati dei test e io, insieme al team, fornirò qualsiasi informazione richiesta".

Il ciclista britannico
Il ciclista britannico

In sua difesa anche il Team Sky: "Ho la massima fiducia in Chris e sono sicuro che ha seguito i consigli medici per curare i suoi sintomi di asma, rimanendo entro i limiti consentiti. Faremo tutto il possibile per rispondere alle richieste dell'Uci".

(Redazione Online/s.a.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

9 commenti

  • asterisco 14/12/2017 16:31:42

    La WADA (World Anti-Doping Agency) concede i TUE (Therapeutic Use Exemptions) che permettono a tanti atleti l'uso di medicinali che contengono sostanze dopanti senza incorrere in squalifiche o segnalazioni, ovviamente rispettando precise quantità. E negli elenchi figurano molti atleti ai vertici. Tutti tutti malati davvero? A pensar male si fa peccato ma si azzecca quasi sempre. Froome a la Planche des belles filles deve aver avuto un attacco d'asma, e senza medicine, visto com'é scoppiato!
  • Giano 14/12/2017 10:12:29

    Tanto è vero che per praticare attività sportiva, anche per i ragazzi a livello dilettantistico, bisogna sottoporsi a visita medica ed essere in possesso di una certificazione di perfetta salute fisica; altrimenti non puoi fare nemmeno i tornei di calcetto della parrocchia. Allora perché nello sport, e perfino tra i professionisti ad alto livello, ci sono tanti asmatici? Mistero!
  • user217346 14/12/2017 07:40:18

    Quello che sconcerta in questa vicenda è "l'arroganza de corridore e della SKY" ed il scendersi le braghe dell'UCI. Se questa sostanza non DEVE superare i limiti confermati dalle contro senza farsi condizionare ne dal nome ne soprattutto analisi, perchè oltre che a curare migliora la funzione respiratoria, c'è doping senza se e senza ma. Che la federazione internazionale lo "SOSPENDA" immediatamente senza farsi condizionare ne dal nome ne dal potere economico della SKY.
  • fransisceddu 13/12/2017 23:15:51

    In tempi. NOn sospetti hanno distrutto un campione ( Pantani)” inventandosi” una storia di doping😤🤮oggi ci sono doppiati che campano scuße per mascherare le loro malefatte🗣🗣🗣
  • Giano 13/12/2017 20:07:43

    Curioso il fatto che tra i ciclisti, calciatori ed altri sportivi, ci siano tanti che soffrono di asma (per cui assumono farmaci specifici). Per praticare uno sport qualunque (ciclismo, atletica, calcio, etc…) e ottenere buone prestazioni la prima regola per uno sportivo, è quella di essere in perfetta salute e forma fisica. E la prima caratteristica è proprio possedere un’ampia capacità polmonare ed una perfetta attività cardiaca e respiratoria. Allora perché ci sono tanti asmatici? Mistero!
  • Steinbrueck 13/12/2017 16:40:18

    se confermato andrebbe messo in galera in piú risarcimento verso i rivali puliti che competevano e che hanno subito un grave danno
  • magodz 13/12/2017 16:38:28

    mtgz sconosciuta, Vuelta subito a Nibali ed un anno e mezzo di sospensione, ma a chi vuole prendere in giro ?
  • zapata62 13/12/2017 15:49:25

    Strano ma vero:Ulissi fu squalificato x la positività alla stessa sostanza (salbutamolo)pur certificando la stessa patologia di Froome;)...due pesi due misure....vergognoso!!!!
  • user220329 13/12/2017 09:41:42

    Se non è sottoposto alla sospensione, “in ragione della natura della sostanza incriminata” significa che è una sostanza consentita oppure sconosciuta alle attuali analisi quindi in fase di ulteriori e più approfonditi accertamenti o cosa.