Cronaca

La Commissione Ue: "Troppi biglietti in continuità territoriale"

Venerdì 24 Novembre 2017 alle 19:42


La Commissione europea l'ha detto chiaramente: la continuità territoriale è un diritto dei sardi, ma solo quando garantisce "i servizi aerei di linea minimi". È su questa definizione che ruota il futuro dei trasporti nell'Isola: il progetto di Ct1 proposto dall'ex assessore Massimo Deiana, poi cancellato dopo lo stop da parte dell'Europa, prevedeva di raddoppiare - in media - i posti attualmente a disposizione dei passeggeri sardi. Ora i biglietti messi in vendita ogni anno secondo il modello varato nel 2013 sono 2,4 milioni. Dal 2018, col nuovo sistema, sarebbero aumentati gradualmente, fino a superare i 5 milioni nel 2021. Troppa grazia, secondo l'Ue. Soprattutto a Cagliari, dove nei collegamenti con Roma sarebbe arrivata un'iniezione di quasi un milione di posti in più all'anno. L'attenzione dell'assessorato ai Trasporti, che da settimane sta lavorando a una nuova proposta di continuità da proporre alla commissione europea, è convogliata principalmente sui numeri dello scalo di Elmas. Nel corso degli incontri con le compagnie aeree e le società di gestione degli aeroporti si sarebbe discusso di una netta diminuzione dei posti rispetto al progetto - poi abortito - varato dalla giunta tra il 2016 e il 2017.

Al momento si tratta solo di bozze, ma i numeri dei biglietti a disposizione non sarebbero molto più alti di quelli dell'attuale continuità. In certi casi si arriverebbe addirittura a un dimezzamento dello schema proposto a suo tempo da Deiana. Dalla Regione - però - sull'argomento arriva una brusca frenata: con le compagnie e le società di gestione degli scali sardi non si è discusso di cifre, quelle si vedranno più avanti insieme alla Commissione europea, con cui continua il dialogo. Almeno questa è la versione ufficiale.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Gose 25/11/2017 10:47:26

    per me questa è un'ingiustizia: 5 milioni di biglietti per 1,6 milioni di abitanti. Stiamo parlando di 4 biglietti a sardo mediamente, cioè 2 voli A/R. Non si pensa a chi deve volare per lavoro, per curarsi da qualche malattia? (passidi a nosus e pighidi a issus)
  • Hogan 24/11/2017 20:00:21

    Siete finiti.. imparate a votare col cervello non con lo stogomo