Cronaca » Provincia di Messina

Messina: indagato per riciclaggio Luigi Genovese, neo eletto all'Ars

Giovedì 23 Novembre alle 10:13 - ultimo aggiornamento alle 16:29


Luigi Genovese

Bufera giudiziaria sulla famiglia Genovese, di Messina. Francantonio, ex deputato, e il figlio 21enne, Luigi di Forza Italia, neo deputato dell'assemblea regionale siciliana, e altri familiari, sono indagati a vario titolo per riciclaggio, autoriciclaggio, sottrazione fraudolenta di beni ed evasione fiscale nell'ambito di una inchiesta della Procura di Messina.

I finanzieri del Comando Provinciale di Messina questa mattina hanno eseguito un sequestro di beni mobili e immobili riconducibili ai due Genovese per un ammontare di 100 milioni di euro.

Secondo gli inquirenti, dopo la condanna a 11 anni, Francantonio Genovese avrebbe intestato parte del suo patrimonio (16 milioni di euro) al figlio, su conti esteri.

I fondi esteri erano schermati da una polizza accesa attraverso un conto svizzero presso la società Credit Suisse Bermuda.

(Redazione Online/s.a.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • porcino 23/11/2017 17:41:58

    Livoletta il padre era del pd e gia SI sapeva il figlio se lo è preso forza Italia due volte peggiore sapendo che il pd non lo candida a più trai tu le conclusioni.
  • brunobruno 23/11/2017 13:19:32

    Ma cosa vogliamo!!! E' stato liberamente votato dal popolo italiano!!! Da un popolo che un giorno si lamenta dei politici corrotti incapaci di fare gli interessi generali della gente e il giorno dopo vota ai peggiori delinquenti, agli evasori, ai furbetti, a chi in mille modi cerca di violare la legge per trarne vantaggi personali. Cosa vogliamo, da chi vive sereno in uno stato che tollera modalità chiaramente truffaldine come la bolletta ogni 28 giorni o le bottiglie di olio ridotte a 0,75 l. c
  • Sorigumaccu 23/11/2017 13:06:54

    Che bell'ambientino...
  • granese 23/11/2017 11:38:01

    buon sangue non mente, come faceva la canzone gobba la madre, gobba la figlia, gobba la figlia della sorella era gobba pure quella. In Sicilia c'è la mafia, ma siete sicuri che i siciliani non se la meritano? Non intendo generalizzare perché anche lì ci sono brave persone, oneste che la mafia la combattono a costo della vita, ma la massa purtroppo come dimostrano anche quest'ultime elezioni regionali, è collusa.
  • Bagarzu 23/11/2017 11:30:12

    L'amministrazione pubblica si tiene nei tribunali............
  • livoletta 23/11/2017 11:10:44

    Giusto per parcondicio, il padre del neodepuato è stato invece condannato in via definitiva per diversi reati ed era una colonna portante del PD siciliano, nonchè deputato sempre per il PD alla camera, nonchè ex sindaco sempre per il PD di Messina