Cronaca » Cagliari

"Piove dentro i pullman, siamo isolati". L'appello dei sindaci alla Regione

Venerdì 17 Novembre alle 19:27 - ultimo aggiornamento Sabato 18 Novembre alle 09:39


L’incontro sul trasporto pubblico tra Regione e amministrazioni locali

"D'inverno piove dentro i pullman, d'estate si muore dal caldo perché non c'è l'aria condizionata".

La sintesi di Mario Fadda, sindaco di Maracalagonis, è efficace e aiuta a capire perché, dei 693mila spostamenti che ogni giorno fanno pulsare l'Isola, solo il 10 per cento avvenga a bordo di un autobus.

Le lamentele arrivano anche da Burcei, dove sono state soppresse alcune corse e gli studenti "non sanno come tornare a casa da Cagliari dopo le lezioni", come ricorda il primo cittadino Giovanna Zuncheddu.

I sindaci sono intervenuti insieme ai rappresentanti delle altre amministrazioni sarde a un incontro organizzato dalla Regione sulla prossima riforma del Tpl.

"L'intento è stato quello di fornire elementi di conoscenza affinché tutti gli attori del processo possano partecipare, ciascuno con le proprie competenze, alla determinazione di una riforma importante", spiega l'assessore ai Trasporti Carlo Careddu.

La riforma prevede la creazione di "nuovi bacini di mobilità e dei relativi enti di governo per garantire qualità ed efficienza dei servizi essenziali, così come richiedono le norme nazionali e comunitarie in materia, entro la fine del 2019".

Ma le decisioni finali, aggiunge l'assessore, "saranno assunte dal Consiglio regionale".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Candelabro 17/11/2017 20:45:16

    693 mila spostamenti al giorno, ma solo il 10% avviene con i Pullman!!?? Scusi siamo nello Zimbabwe o in Italia....!!! ?? Ma lo sa Lei!!!! che potremmo vivere da soli... solo con il Turismo!!!!! Ah si???!!!!!! direbbe il Principe Antonio De Curtis!!!! del Rione Sanita!!!
  • numeronove 17/11/2017 20:10:25

    Tanto per cominciare fate pagare il biglietto ai migranti che in migliaia tutti i giorni da anni viaggiano a sbafo, alla faccia della povera gente.Saludos