Cronaca » Provincia di Roma

Ostia, Spada resta in carcere. Lui: "Ho fatto una fesseria, ma sono stato provocato"

Sabato 11 Novembre alle 08:45 - ultimo aggiornamento Domenica 12 Novembre alle 16:52


Roberto Spada fermato e, a sinistra, il reporter Daniele Piervincenzi dopo l'aggressione

Roberto Spada resta in prigione. Il gip Anna Maria Fattori ha riconosciuto l'aggravante mafiosa dell'aggressione ai danni dei giornalisti Rai Daniele Piervincenzi e Edoardo Anselmi e ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Nel provvedimento si parla di "aggressione brutale", messa in atto "per documentare la propria forza e capacità di intimidazione", "approfittando della presenza di testimoni, di un luogo pubblico e delle riprese di una telecamera". Con questo gesto, secondo il gip, Spada ha voluto "dare forza ed efficacia al proprio potere in un territorio caratterizzato da uno stato di assoggettamento e da garanzia di impunità".

"Sono stato provocato, non mi riconosco in quel video", ha detto Spada nel corso dell'interrogatorio che si è tenuto a Regina Coeli.

"Ho fatto una fesseria, ma mi sono innervosito", ha riferito, precisando di aver "risposto" - con quella testata - alle "insistenze" del reporter che lo incalzava con domande politiche in vista del ballottaggio.

IL METODO MAFIOSO - L'aggravante del metodo mafioso, senza la quale non sarebbe scattato il fermo da parte dei carabinieri di Ostia, deriva - secondo gli inquirenti - dal contesto nel quale l'aggressione è avvenuta e, soprattutto, dalla platealità con la quale Spada ha voluto dare una prova di forza sul "suo" territorio davanti a decine di testimoni (nonché alla telecamera di un programma nazionale).

La famiglia Spada, dicono i fascicoli, rappresenta da anni una realtà criminale emergente e al momento dominante sul territorio di Ostia. Stando ad alcuni collaboratori di giustizia, le cui dichiarazioni sono riportate nel decreto di fermo emesso dalla Dda a carico dell'indagato, Roberto Spada farebbe parte del clan e sarebbe un soggetto "che comanda e che può dare ordini".

L'AGGRESSIONE - I fatti risalgono a martedì: Piervincenzi e Anselmi raggiungono Spada nella sua palestra, a Ostia, e gli chiedono un commento sugli esiti delle elezioni municipali e sui rapporti tra CasaPound e il clan Spada.

In un primo momento l'intervistato risponde con apparente calma, e anzi invita il giornalista a entrare e visitare la palestra. Quando tornano in strada la chiacchierata continua per pochi minuti, fino a che, improvvisamente, Spada sferra una testata all'intervistatore fratturandogli il setto nasale.

Poi insegue i due giovani insieme a un secondo uomo, in via di identificazione, e le vittime vengono colpite con un bastone e nuovamente ferite: il cameraman riporterà un trauma cranico.

LA MANIFESTAZIONE - Intanto, a Ostia, si sta tenendo una manifestazione per la legalità: "Contro ogni forma di violenza, fuori la mafia dallo stato", "Contro tutte le mafie", "Casa lavoro dignità, no alla violenza fascista a mafiosa" sono alcuni degli striscioni esposti.

"Ho fatto mia una richiesta dei cittadini - ha commentato il sindaco Virginia Raggi, intervenendo -. Non sono qui per fare campagna elettorale. Siamo qui tra i cittadini, questa è una bella risposta".

Video: Ostia, Virginia Raggi alla manifestazione contro le mafie

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

(Redazione Online/D-L)

IL FERMO DI SPADA:

 
l arresto di spada
Aggressione al reporter della Rai: fermato Roberto Spada

IL VIDEO DELL'AGGRESSIONE:

Video: Ostia, giornalista di Nemo brutalmente aggredito da Roberto Spada

Guarda questa gallery nel canale Multimedia


Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

18 commenti

  • nopagoafitto 12/11/2017 18:56:29

    Quindi il giornalismo d’inchiesta secondo alcuni non dovrebbe essere incalzante. E come dovrebbe essere? Fai una domanda e se l’intervistato non vuole rispondere saluti con educazione e te ne vai altrimenti è legittimo che ti aggrediscano? Mi auguro che nessuno di coloro che la pensano così dirigano mai un giornale, rischieremmo di leggere solo articoli che parlano di cagnolini e gattini maltrattati.
  • piriccu 12/11/2017 13:08:50

    Spada è in galera e che ci resti quanto basta. Ma che senso ha fare giornalismo in quella maniera incalzante e persecutoria? I pesci grossi hanno i guardaspalla che li proteggono dai giornalisti; chi non ha protezioni viene inseguito, tampinato, spintonato. Anche la legge riconosce la provocazione. Lasciamo perdere Spada e quel caso: ma questi che inseguono, incalzano, urlano, Sono giornalisti o performer? È chiaro che cercano di fare carriera con scoop con telecamera al seguito.
  • nopagoafitto 12/11/2017 12:18:23

    user232966, sei per caso esperto di procedure di polizia o magari di diritto? Credo sia ovvio che se non era stato ancora arrestato è perché non c'erano abbastanza prove per incriminarlo. Se nessuno denuncia e porta elementi concreti a supporto della denuncia non basta, il sentito dire non serve a niente e in tribunale può essere smontato in un attimo da un qualunque avvocato.
  • murdan75 12/11/2017 10:10:05

    sPDada....la scusa di non partecipare al corteo perchè organizzato dalla Raggi non Regge...il pd sostiene apertamente chi cerca di contrastare m5stelle
  • user234904 12/11/2017 09:29:34

    lo stato torni a governare ad ostia, che siano rinchiusi in cella questa famiglia spada, lo stato deve essere presente che sia fatto il censimento delle case popolari, chi merita rimane chi non ha i requisiti lasci la casa basta con questa famiglia di delinquenti
  • user232966 12/11/2017 09:08:06

    Scusate ma in questa faccenda c'è qualcosa che non quadra, voglio dire, questo soggetto è il figlio di un boss, in base alle dichiarazioni dei pentiti egli stesso da ordini all'interno dell'organizzazione, e bisogna aspettare che picchi un giornalista in diretta per arrestarlo? Proprio una brutta figura per le forze dell'ordine
  • Indignato 12/11/2017 07:13:18

    Una persona normale avrebbe chiuso la porta in faccia al giornalista, ma mai si deve arrivare alle minacce ed allo scontro fisico, è proprio dei mafiosi. Spero che non capiti mai più
  • Sorigumaccu 11/11/2017 22:29:07

    user215650 e quanti di questi sono così intelligenti da farlo davanti ad una telecamera, quando si è in odore di mafia?
  • semur 11/11/2017 22:28:45

    nopagoafitto ma secondo te user215650 ha fatto un ragionamento? bah
  • pulcino43 11/11/2017 22:25:31

    Spada lunga galera , brava Giudice .