Cronaca » Provincia di Brescia

"Spaccio perché non c'è lavoro": in manette un architetto di 44 anni

Venerdì 10 Novembre alle 12:26 - ultimo aggiornamento alle 12:56


Foto d'archivio

"Spaccio per fare fronte alle difficoltà economiche".

Sarebbe questa la motivazione che un architetto incensurato di 44 anni ha fornito alla Polizia di Stato, che in un garage di Ospitaletto (in provincia di Brescia) ha rinvenuto sessanta chili di hashish e 800 grammi di cocaina tutti riconducibili a lui.

L'uomo è finito nel mirino delle indagini a partire dalle segnalazioni degli abitanti di un prestigioso condominio: troppo strani, avevano notato i vicini, gli andirivieni da un garage del palazzo.

Gli agenti, dopo un appostamento, hanno individuato e fermato un'auto sospetta. A bordo un uomo, che ha poi dichiarato di essere un architetto, e 5 chili di hashish.

Messo alle strette, il 44enne ha aperto il garage, dove i poliziotti hanno trovato il resto della droga, e ha detto di essere diventato un pusher per via della crisi.

Arrestato con l'accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente, si trova ora in carcere a Canton Mombello.

(Redazione Online/D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

1 commenti

  • ienaridens 10/11/2017 13:20:03

    ma per favore!!! anche io ho una laurea e faccio lavori non qualificati e ne faccio 3 per arrivare ad avere la metà di uno stipendio da laureato in un paese civile. ma di certo non vado a vendere morte in giro. che ne spari un'altra