Cultura » Mondo

Minnie sexy e Peppa Pig mostro: i cartoni "tarocchi" che minacciano i bimbi

Venerdì 10 Novembre alle 15:45 - ultimo aggiornamento alle 16:32


Il frame di un video

Minnie in minigonna e reggiseno, Peppa Pig torturata dal dentista tra urla disumane: sono solo alcuni dei video che minacciano i bambini su YouTube e che nulla hanno a che vedere con gli originali.

A metterli in rete, nella migliore delle ipotesi, gente che vuole guadagnare clic, e dunque carica video "tarocchi" nella consapevolezza che sono molti i piccoli che guardano i cartoni animati dai tablet.

Nella peggiore, invece, sono malintenziontati che pubblicano contenuti volutamente disturbanti come zombie, sangue, tentativi di omicidio e di stupro. Il tutto utilizzando algoritmi che permettono ai video di inserirsi automaticamente nella riproduzione.

I bambini, che spesso non sanno nemmeno leggere, non colgono il pericolo o la differenza con i cartoni veri. E restano letteralmente ipnotizzati dai colori e dalle figure che sono in qualche modo familiari.

YouTube, dopo un'inchiesta della Bbc, ha ricevuto migliaia di segnalazioni da mamme e papà e ha annunciato misure più strette di controllo.

"Faremo sì che certi video siano bollati come contenuti inappropriati e vietati ai minori - ha detto un portavoce -. Il nostro team è pieno di genitori che hanno tutto l'interesse a migliorare l'app e renderla più sicura per i più piccoli e indifesi".

(Redazione Online/D)

Uno dei video pericolosi

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

1 commenti

  • Mirkio90 10/11/2017 18:55:53

    la difesa per i piccoli sta nei genitori, non deve essere una multinazionale ad educare i nostri figli