Cronaca » Campania

Fiction Rai su Zagaria, il boss chiede 100mila euro di risarcimento: "È inesatta"

Venerdì 10 Novembre alle 10:21 - ultimo aggiornamento alle 11:41


Il boss Michele Zagaria e, a destra, Preziosi nella fiction

Il boss Michele Zagaria vuole fare causa alla Rai.

Sotto i riflettori è finita la fiction della rete, "Sotto copertura 2", che racconta la caccia all'ex numero uno del clan dei casalesi (interpretato da Alessandro Preziosi).

La serie, già andata in onda, ha avuto un buon successo di pubblico ma non è affatto piaciuta al protagonista a cui si ispira il film.

Nella ricostruzione della storia, infatti, ci sarebbero "gravi inesattezze e falsità".

"Ciò che viene narrato non è assolutamente realistico - scrivono i legali di Zagaria, che hanno depositato un ricorso cautelare al tribunale di Roma - e molti sono i particolari inventati dagli sceneggiatori: uno fra tutti, e forse il più grave, quello che lo dipinge come un uomo attratto sessualmente dalla giovane figlia della famiglia che per anni lo ha ospitato: cosa che ha profondamente offeso e disgustato il nostro assistito".

Zagaria, arrestato nel 2011 e detenuto in regime di carcere duro a Milano-Opera, ha chiesto 100mila euro di risarcimento (che, in caso, devolverà in beneficenza) per danni di immagine.

(Redazione Online/D)

L'ARRESTO DI ZAGARIA:

 
michele zagari nell ultimo identikit elaborato dalla polizia
Caserta, arrestato superlatitante Zagaria. Nascosto sotto 5 metri di calcestruzzo

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

2 commenti

  • RP 10/11/2017 14:23:59

    Io,sono offeso e disgustato che,a chi sottoposto a regime di carcere duro,venga data la possibilità di guardare la TV.
  • Fisieddu 10/11/2017 11:28:28

    "offeso e disgustato il nostro assistito" Queste sono persone d'onore, non farebbero mai del male ad una mosca, e neppure alle figlie degli amici, vanno a messa, hanno il crocifisso appeso sopra il letto, la pistola sotto l'ascella, guardaspalle armati...