Cronaca » Cagliari

Tari gonfiata in diversi Comuni. Cagliari: "Qui tutto regolare"

Venerdì 10 Novembre alle 14:22 - ultimo aggiornamento alle 20:26


La Tari

Nel corso degli ultimi 5 anni diversi Comuni avrebbero sbagliato a calcolare la Tari, con conseguenze pesanti per milioni di famiglie, che si sono viste recapitare un'imposta sui rifiuti più alta del dovuto. Anche raddoppiata in alcuni casi.

Centinaia i Paesi coinvolti, tra cui anche qualche capoluogo di Regione. E fra questi, secondo il Sole 24 Ore, oltre a Genova, Milano, Napoli, Catanzaro, Ancona, ci sarebbe anche Cagliari. Ma il Comune ha smentito con un cominicato, precisando che applica "correttamente" la normativa.

A mettere nero su bianco l'errore di molti comuni è stato lo stesso sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta, nel rispondere all'interrogazione parlamentare di Giuseppe L'Abbate, giovane deputato del Movimento 5 Stelle.

Il diavolo si nasconde nei dettagli, in questo caso nella parte variabile della Tari.

L'imposta sui rifiuti infatti comprende una quota fissa e, appunto, una variabile: la prima dipende dalla grandezza della casa, la seconda, che punta ad adeguare il prelievo fiscale all'effettiva quantità di rifiuti prodotta, dipende dal numero dei componenti della famiglia.

Ed ecco l'inghippo: se una singola utenza è composta da un appartamento e due pertinenze, un garage e una cantina ad esempio, "la quota variabile va considerata una sola volta, e di conseguenza, un diverso modus operandi da parte dei Comuni non trova alcun supporto normativo", spiega Baretta.

Avere una cantina e un box auto vicini all'abitazione infatti non fa aumentare la quantità d'immondizia prodotta dai nuclei familiari.

E invece in molti comuni, negli ultimi 5 anni, la quota variabile è stata moltiplicata tante volte quante sono le pertinenze - tre volte, nel caso preso ad esempio - facendo lievitare a dismisura le tariffe, che in alcuni casi arrivano anche a raddoppiare.

La rivelazione del sottosegretario ha messo sul piede di guerra le associazioni dei consumatori e potrebbe dare il via a una pioggia di ricorsi contro i comuni.

CAGLIARI - "In relazione alle notizie su eventuali contenziosi o possibili errori per la tassa sui rifiuti in diversi comuni italiani, si informano i cittadini che il Comune di Cagliari non ha calcolato in maniera sbagliata la Tari e, anzi, applica correttamente la normativa di riferimento in materia", è la replica del Comune di Cagliari. Per le utenze domestiche la modalità di calcolo è la seguente: "Si moltiplica la superficie complessiva per la tariffa "parte fissa" unitaria; si aggiunge la tariffa "parte variabile", computata una sola volta; si aggiunge il 5% a titolo di addizionale provinciale". Procedura che, precisa il Servizio Tributi comunale, "può essere verificata da ciascun contribuente nel dettaglio degli importi indicati".

(Redazione Online/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

5 commenti

  • user214759 11/11/2017 08:16:34

    Mai che ammettano le loro colpe, per loro la colpa è sempre dei cittadini (accusati e depredati). Il comune e qualsivoglia ente che succhia NON HANNO MAI COLPE (STRANO!).
  • salnews 11/11/2017 08:04:29

    Certo che non ci sono errori, sapevano quello che facevano aumentando la TARI. Un modo come un altro per mungere più quattrini a fronte di servizi sempre più carenti.
  • user233656 10/11/2017 20:33:24

    Adesso dovrebbero controllare anche le tariffe dell'acqua...
  • Sardofelix 10/11/2017 18:09:57

    Attenzione, perché mai come nel campo dei tributi locali vale la regola del più forte che ha la meglio sul più debole. Il debole, per chi non lo avesse capito, è il cittadino con capacità contributiva. La TARI è gonfiata a prescindere, specie nei comuni dove è ancora in vigore il grottesco sistema del porta a porta. Conosco persone, che per pagare la TARI, avendo la sfortuna di vivere in vecchie case di paese, di poco valore ma grandi, rinunciano a curarsi i denti.
  • MIMMO50 10/11/2017 17:50:29

    i rimborsi se forse ci spetteranno (ma ci credo poco) li vedremo con il cannocchiale !