Cronaca » Quartu Sant'Elena

Quartu, a Santo Stefano regna la sosta selvaggia

Giovedì 09 Novembre alle 12:31


L'incrocio in via Scarlatti

Negli incroci o sui marciapiedi, non fa differenza. Nel quartiere di Santo Stefano, a Quartu Sant'Elena, regna la sosta selvaggia.

Incuranti dei divieti e dei disagi che arrecano agli altri utenti della strada, molti automobilisti posteggiano dove capita.

Nelle traverse di via Nenni, i parcheggi in prossimità degli svincoli davanti ai segnali di stop sono all'ordine del giorno. Così chi deve superare l'incrocio non ha visibilità e il rischio di incidenti è altissimo, tanto più che spesso vengono parcheggiati addirittura camion e furgoncini.

È routine poi trovare file di auto sopra i marciapiedi in via Scarlatti come in via Mercadante, in via Cilea come in via Nenni, addirittura nella corsia del semaforo all'incrocio con viale Colombo dove si creano code e ingorghi.

E ai pedoni non resta altro da fare che passare in mezzo alla strada con il rischio di essere investiti.

Un'auto sul marciapiede a Santo Stefano
Un'auto sul marciapiede a Santo Stefano

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

1 commenti

  • gzola 09/11/2017 13:25:24

    il problema, come peraltro la giornalista dovrebbe sapere, non sono i residenti, primi ad essere danneggiati da questi comportament incivili, ma gli utenti della clinica e degli uffici pubblici per i quali era previsto un parcheggio pubblico alla fine della via Turati, progetto, come tanti altri, finito nel dimenticatoio