Cronaca » Allai

Fordongianus, duplice omicidio
Le vittime sono due fratelli

Giovedì 09 Novembre alle 07:56 - ultimo aggiornamento alle 14:10


Pierpaolo (a sinistra) e Michelino Piras

Duplice omicidio, intorno alle 7.30 di questa mattina, a Fordongianus: due allevatori sono stati uccisi.

Si tratta di due fratelli, Pierpaolo (61enne) e Michelino Piras (48 anni).

I corpi sono stati ritrovati lungo la strada che porta ad Allai, all'ingresso della loro azienda in località Preca, a 4 chilometri da Fordongianus.

L'azienda si trova in località Preca
L'azienda si trova in località Preca

Sul posto ci sono le forze dell'ordine, i carabinieri di Oristano, guidati dal capitano Francesco Giola, impediscono a chiunque di avvicinarsi.

L'azienda sarebbe dotata di alcune telecamere di videosorveglianza, che potrebbero rivelarsi utili per le indagini.

L'ARRIVO DEL RIS:

Video: Fordongianus, il Ris sul luogo del duplice omicidio

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

IL VIDEO:

Video: Fordongianus, le immagini dal luogo del duplice omicidio

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

LE IMMAGINI:

LE PAROLE DEL PROCURATORE DI ORISTANO:

Video: Il duplice omicidio di Fordongianus, le parole del procuratore Basso

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

- NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO -

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

7 commenti

  • Sardus10 10/11/2017 09:56:01

    x deronwil e sirucruc i vostri sono i soliti commenti idioti...dapertutto capitano questi fatti, anzi, in Sardegna molto ma molto meno, e sicuramente, nella maggior parte dei casi, le motivazioni , seppur non giustificabili, sono meno futili di quelle che capitano altrove, senonche' in Sardegna ,anche in questi casi limite, sono altre le motivazioni e i moventi...arretratezza?poverta?disagio identitario e sociale? chi puo' essere l'imputato principale se non lo Stato Straniero occupante?
  • barolus 09/11/2017 17:46:24

    É tornata la povertà, immancabilmente tornano anche i delitti gravi. La gente entra in guerra uno contro l'altro ( brigantaggio e banditismo furono l'espressione piú alta dell'abbandono e il disinteresse dello stato dei propri cittadini ) mentre chi li ha ridotti allo stato di odiare tutto e tutti, stanno lontano al sicuro, e vivono di privilegi. chiaro che si tratta di regolamento di conti personali, ma l'origine di questi delitti é ben legata alla situazione economica del territorio.
  • sirucruc 09/11/2017 17:35:41

    Quasi da non credere, sembra che si sia fermato il tempo. Forse nelle tribù in Africa succede ancora, ma li hanno fame e sete. Questo denota l'assenza di qualcosa.
  • peso85 09/11/2017 17:16:59

    Non capisco di quali omicidi parlate
  • tilliccasa 09/11/2017 14:15:20

    ANCHE IN TERMINI DI INDAGINI,VEDRETE
  • Mauriotto 09/11/2017 13:42:13

    Sbaglio o l'alto oristanese ultimamente sta iniziando a farsi sentire in ambito di questi delitti?
  • deronwill 09/11/2017 13:09:15

    Bestie. Siamo indietro di un secolo nella timeline della civiltà.