Cronaca » Italia

Caso Regeni, il presidente egiziano: "Vogliamo scoprire i colpevoli"

Giovedì 09 Novembre alle 09:54


Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi

"L'Egitto è pronto a collaborare per risolvere quanto più rapidamente possibile il caso di Giulio Regeni", il ricercatore italiano ucciso al Cairo nel gennaio del 2016, "consegnando i responsabili alla giustizia". A riferirlo è stato il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi, parlando a margine del forum mondiale della Gioventù a Sharm el Sheikh.

"Desideriamo scoprire i colpevoli di questo caso e stiamo agendo in piena trasparenza e cooperazione tra la magistratura egiziana e quella italiana", ha aggiunto al Sisi. Il caso Regeni è "fondamentale per l'Egitto".

Facendo riferimento all'uccisione di Regeni, al Sisi ha ricordato che il cadavere del ricercatore fu trovato durante la missione imprenditoriale guidata dall'allora ministro Federica Guidi, vanificando potenziali investimenti italiani sul punto di essere realizzati in Egitto.

(Redazione Online/s.a.)

 
i genitori di giulio regeni
Regeni, la tutor di Cambridge: "Non lo abbiamo mai messo a rischio"

 
fiaccolata per giulio regeni
Caso Regeni, i documenti inediti e le bugie della tutor di Cambridge

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

2 commenti

  • 7965giuseppe 09/11/2017 14:59:52

    La memoria e l'onore di Giulio Regeni CONTINUAMENTE CALPESTATI ... VERGOGNA!!!
  • granese 09/11/2017 11:34:40

    Al Sisi è un dittatore e Regeni l'ultima volta che è stato visto vivo era stato fermato dalla polizia Egiziana che risponde in tutto e per tutto ad Al Sisi. Vuole rivelare la verità gli bastavano pochi minuti, dopo circa un anno questo signore ci racconta ancora l'ennesima bugia. Lo sanno tutti chi è stato a torturare e uccidere Regeni, ma i nostri politici lo vogliano sapere? Al Sisi lo vuole rilevare? io dico di no! perché fa questa pagliacciata? per motivi economici!