Cronaca » Canada

Un ristorante contro il tabù dell'Aids, dove il personale è sieropositivo

Mercoledì 08 Novembre alle 14:38 - ultimo aggiornamento alle 15:30


Tre membri dello staff del Juno's restaurant

Si chiama June's il ristorante che ha aperto i battenti ieri a Toronto, in Canada, e la sua particolarità è che i 14 membri dello staff sono tutti sieropositivi.

L’idea è nata dopo che un sondaggio ha rivelato che solo la metà dei canadesi avrebbe mangiato cibo preparato da persone sieropositive o condiviso la tavola con loro. Da qui la sfida di abbattere lo stigma che ancora si associa all’HIV.

Oltre alla scommessa degli ideatori, c’è la volontà di riaccendere il dibattito sulla malattia, perché nonostante gli enormi progressi della medicina in termini di cura e sopravvivenza delle persone colpite da HIV, persiste l’idea che si possa contrarre tramite un semplice contatto umano e che la diagnosi equivalga ancora a una condanna a morte.

Immediate le reazioni sui social, tra chi apprezza il coraggio e chi fa notare i non pochi rischi: un semplice incidente in cucina, primo tra tutti quello di tagliarsi mentre si maneggiano i cibi, e si metterebbe in pericolo la salute dei clienti. La risposta dello staff è che in questi casi in qualsiasi ristorante la prassi sarebbe quella di buttare via gli alimenti eventualmente toccati e ripulire attentamente le superfici: "lo faremmo a prescindere dall’HIV, è questione di buon senso".

L’iniziativa farà certo discutere, in Canada e altrove, ma per gli ideatori e per molti sieropositivi avrà comunque il merito di far riparlare di un problema che resta ancora tabù.

(Redazione Online/b.m.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

3 commenti

  • ienaridens 08/11/2017 21:58:05

    io lo trovo ghettizzante. mentre invece non si parla più apertamente della malattia, della prevenzione. si lascia tutto al si sa ma non se ne parla.non mi pare il modo giusto per tutelare ne i sieropositivi ne i non sieropositivi. pessima iniziativa mediatica
  • petrus1 08/11/2017 19:38:09

    Non ci mangerei mai una bistecca al sangue!
  • adelasio 08/11/2017 16:00:29

    Io di sicuro non ci metterò mai piede.