Cronaca » Provincia di Roma

Stupri di Roma, il racconto: "Ammanettate e violentate"

Sabato 04 Novembre 2017 alle 15:00 - ultimo aggiornamento Sabato 04 Novembre 2017 alle 22:48


Mario Seferovic

Un atto "di una ferocia inaudita" quello commesso ai danni delle due 14enni stuprate a Roma. Gli accusati, perciò, dovranno rimanere in carcere.

È la decisione presa dal gip Costantino De Robbio in merito ai due ragazzi, nati a Roma da famiglia di origini bosniache, sospettati di aver sequestrato e violentato, il 10 maggio scorso, due ragazzine di 14 anni in un boschetto del quartiere romano del Collatino.

Lunedì si terrà l'interrogatorio di garanzia a Regina Coeli.

LA CHAT - Stando a quanto ricostruito dai carabinieri di Tor Sapienza e dalla procura, le due vittime, nel maggio scorso, sono state abusate da Marco Seferovic, 21 anni, detto "Alessio il Sinto".

Una delle due aveva conosciuto Seferovic in chat e ne è rimasta rimasta affascinata. Al primo appuntamento aveva portato con sé un'amica, per sicurezza: quando lo hanno raggiunto sulla Collatina, lui le ha costrette a seguirlo in un terreno isolato, rifugio di prostitute e clienti.

Una volta soli, secondo il quadro accusatorio, Seferovic ha bloccato le due giovani: con l'aiuto di un amico 20enne, Maicon Bilomante Halilovic, le ha legate a una grata con delle manette e stuprate mentre quest'ultimo, che non avrebbe materialmente commesso l'atto fisico, faceva da palo.

LE MINACCE - Dopo l'accaduto, le due amiche sono state minacciate di morte affinché non dicessero nulla. Solo dopo mesi, una di loro ha trovato il coraggio di raccontare la verità e così è partita l'inchiesta.

Seferovic, che ha precedenti per furto, è stato arrestato ieri per strada, a Tor Sapienza. Halilovic, incensurato, è stato fermato nel container dove vive con la famiglia, in via di Salone.

L'accusa è di violenza sessuale di gruppo continuata e sequestro di persona in concorso.

(Redazione Online/D)

GLI ARRESTI:

 
un auto dei carabinieri
Abusi sessuali su due 14enni: in manette due uomini

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • perrap 04/11/2017 23:03:26

    Quando si ricorderanno i genitori di fare i genitori e finirla di fare i ragazzini emancipati e liberalisti per cominciare a tutelare i propri figli?Stiamo parlando di bambine quattordicenni non so se ci rendiamo conto che queste bambine sono lasciate sole in mezzo a questo mondo senza alcun rispetto di qualsiasi forma di vita Per carita'
  • MIMMO50 04/11/2017 19:34:41

    ma come si fa a fidarsi di elementi del genere..
  • semur 04/11/2017 19:31:13

    se non sono in branco non ci riescono
  • Indignato 04/11/2017 18:42:02

    Probabilmente lo scopo di questo infame era di sfruttarle nella prostituzione una volta plagiate dalla vergogna
  • Mauriotto 04/11/2017 17:12:25

    Degrado di importazione che acquisti che abbiamo fatto
  • murdan75 04/11/2017 16:22:53

    Si vabbè....guardate le labbra vome fai a fidarti di uno che siè spalmato Lua per gonfiarsi le labbra!