Cronaca » Italia

Intercettazioni, via libera del Consiglio dei ministri alla riforma

Giovedì 02 Novembre 2017 alle 15:40


Immagine simbolo

Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta del ministro della Giustizia Andrea Orlando, il decreto legislativo sulla disciplina delle intercettazioni.

Il testo dovrà ora passare all'esame delle commissioni Giustizia per i pareri e poi tornare in Cdm.

Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni in una conferenza stampa a palazzo Chigi.

Il primo ministro ha parlato di "decisione importante", dopo 15 anni di tentativi in materia.

"Abbiamo finalmente una soluzione che a mio avviso è giusta ed equilibrata", ha affermato, "noi non limitiamo l'uso delle intercettazioni ma contrastiamo l'abuso, sappiamo che questo strumento è fondamentale per le indagini e in nessuno modo vogliamo limitare la possibilità di disporre di uno strumento per la magistratura fondamentale per contrastare i reati più gravi ma è evidente che in questi anni ci sono stati frequenti abusi", ha aggiunto.

La riforma - ha affermato Gentiloni - "disciplina un uso più stringente (degli ascolti) senza ledere il diritto di cronaca" e ha l'obiettivo di evitare la diffusione di conversazioni irrilevanti ai fini delle indagini.

Il testo dispone infatti dei vincoli alle trascrizioni nelle richieste dei pm e nelle ordinanze dei giudici: "Quando è necessario, sono riprodotti soltanto i brani essenziali", si legge nel provvedimento.

Il documento poi prevede l'istituzione presso l'ufficio del pm di un archivio riservato delle intercettazioni la cui "direzione" e "sorveglianza" vengono affidate al procuratore della Repubblica. All'archivio potranno accedere solo a giudici, difensori e ausiliari autorizzati dal pm.

Per quanto riguarda i mezzi utilizzati per intercettare, il decreto legislativa disciplina l'uso dei cosiddetti "trojan", che servono a "sottrarre" informazioni in pc o smartphone, consentendone l'impiego senza vincoli per i reati più gravi (in particolare terrorismo e mafia) e prevedendo invece delle limitazioni per gli altri.

(Redazione Online/F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • rosalux 03/11/2017 14:15:11

    Berlusconi è riuscito nel suo intento e senza metterci la faccia. Complimenti Pd(l)!
  • SardTrek 02/11/2017 23:01:21

    molti abusi all'ordine del giorno ...
  • Utente_US 02/11/2017 20:19:06

    Povera Italia, non ne fanno una giusta.
  • sadam 02/11/2017 16:46:09

    I politici vogliono la tranquillità nei loro affari!!