Cronaca » Macomer

Il Cpr per i migranti a Macomer sarà un centro di detenzione amministrativa

Lunedì 30 Ottobre alle 12:14


Migranti

Ai migranti che entreranno nell'ex carcere, dove sarà realizzato il centro regionale per la permanenza e rimpatri, sarà applicata la misura di detenzione amministrativa.

Questo per ragioni di sicurezza, destinata agli irregolari in attesa di rimpatrio o espulsione.

A sottolineare questo aspetto è il gruppo consiliare di maggioranza, Democrazia e Partecipazione, rispondendo alle critiche mosse i giorni scorsi da Riccardo Uda, ex sindaco ed esponente dell'opposizione in Consiglio.

"La Corte Costituzionale - è scritto nel documento - ha più volte affermato che il trattenimento dello straniero mediante detenzione amministrativa è misura incidente sulla libertà personale che non può essere adottata al di fuori delle garanzie dell'art. 13 della Costituzione: su tutte la cosiddetta 'giurisdizionalizzazione' del procedimento di irrogazione".

Il provvedimento viene adottato dal questore e convalidato entro le 48 ore successive dall'autorità giudiziaria, mentre l'udienza di convalida si svolge in camera di consiglio alla presenza del difensore, e la convalida del trattenimento comporta la permanenza nel CPR per un periodo di 30 giorni prorogabili sino ad un massimo di 90.

Entro questi termini lo straniero irregolare dovrà essere rimpatriato.

"Sotto il profilo della sicurezza di un CPR - prosegue il documento - si tratta quindi di una vera e propria struttura detentiva, destinata al trattenimento degli stranieri in attesa di espulsione e rimpatrio".

Alla minoranza i consiglieri che sostengono la giunta Succu rispondono: "È evidente che le risposte dell'amministrazione sono sempre state coerenti rispetto al comune sentimento di quella parte di popolazione, fortunatamente la stragrande maggioranza, che si riconosce nei valori dell'accoglienza, della solidarietà umana e del sostegno reciproco. La difesa di questi valori passa anche attraverso la lotta alle situazioni di illegalità e di irregolarità".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

4 commenti

  • user220836 30/10/2017 14:17:13

    rimpatrio o espulsione. COL SOLO FOGLIO DI VIA, CHE NESSUNO RISPETTA, O METTENDOLI DENTRO UN AEREO...
  • Tessitore 30/10/2017 14:08:15

    Per poter fare i rimpatri, occorrono gli accordi bilaterali con i paesi di appartenenza degli "ospiti" del centro di permanenza, in assenza di questi. l'unica cosa certa è la permanenza per chissà quanto tempo a spese della collettività, con tutti i nessi e connessi, quindi basta fare chiacchere. Questa scelta folle è il colpo di grazia ad un territorio in agonia armai da tempo .
  • Sorigumaccu 30/10/2017 13:40:32

    Mi sembra chiaro che gli irregolari non possano liberamente andarsene in giro...quello lo possono fare i regolari!
  • Yipluca 30/10/2017 12:33:25

    "Entro questi termini lo straniero irregolare dovrà essere rimpatriato. " non ci credo neanche se lo vedo. Per rimpatriato intenderanno il famigerato foglio di via... Con il risultato che Macomer diventerà invivibile, come lo stanno già diventando tante nostre città grazie ai profughi.