Cronaca » Italia

Terrorismo, Minniti: "Foreign fighters sui barconi? È un'ipotesi concreta"

Domenica 22 Ottobre alle 13:45 - ultimo aggiornamento alle 15:00


Marco Minniti

"Un anno fa se mi avessero chiesto se i foreign fighters sarebbero potuti venire in Italia in barca, avrei risposto 'no'. Ora invece è un'ipotesi concreta".

Lo ha detto il ministro dell'Interno Marco Minniti, oggi a Firenze. "Da qui l'ossessione in questi dieci mesi per il confine meridionale della Libia, che sta diventando il confine meridionale dell'Italia".

"La caduta di Raqqa - ha aggiunto - è molto importante. Non dobbiamo essere troppo facili nel valutare quello che è avvenuto. Lo Stato islamico aveva due punti di forza: la capacità di sviluppare campagne militari e fare attività di carattere terroristico. Oggi è stata colpita al cuore".

Tuttavia, prosegue, "con la caduta di Mosul e Raqqa lo Stato islamico è morto? È finita la minaccia? No, perché quando una struttura è colpita al cuore, può cercare di dimostrare di essere ancora forte e rispondere con azioni terroristiche".

"Noi dobbiamo stare attenti sia dal punto di vista politico che diplomatico. Dobbiamo curare con attenzione maniacale questi aspetti sul piano della cooperazione. L'altro movimento che dobbiamo fare è guardare ai foreign fighters. Ne abbiamo discusso al G7, gli amici americani e giapponesi erano preoccupati come noi su questo".

(Redazione Online/D)

IL G7 A ISCHIA:

 
il ministro dell interno marco minniti
G7 a Ischia, sul tavolo dei ministri dell'Interno la questione foreign fighter

LA CADUTA DI RAQQA:

Video: Siria, "Raqqa è libera": lo annuncia la coalizione sostenuta dagli Usa

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

4 commenti

  • MORESCHINI 23/10/2017 11:38:58

    Ma questo c'è o ci fa?Da anni tutti sanno che terroristi mescolati ai clandestini passano per l'Italia sfruttando il nostro permissivismo,garantismo,buonismo e l'imbecillità del nostro governo ed ora il ministro incomincia a rendersene conto ma non fa nulla per bloccare l'invasione e per rispedire indietro i clandestini ! Poi Renzi,Speranza &C. si stracciano le vesti paventando una vittoria di Lega ,FdI e FI alle prossime elezioni !
  • Chiara_71 23/10/2017 10:03:22

    Che ipocrisia, è da anni che arrivano avvisi ufficiali da altri paesi su questo tema e come può un ministro non credere che in mezzo a persone non identificate non ci siano terroristi? Sono sospetti non solo banali ma noti anche ai cittadini, basta informarsi, quindi mi chiedo come lavori questo ministro e soprattutto come può credere che gli italiani siano così ignoranti. Intanto continua a permettere l'arrivo di centinaia di clandestini in Sicilia e Sardegna, tutto ok basta che nessuno sappia
  • 223rem 22/10/2017 17:13:45

    scoperta dell'acqua calda..... dai ancora pochi mesi poi questo (s)governo sarà solo un brutto ricordo!
  • Yipluca 22/10/2017 15:17:43

    Se lo dice il ministro stesso, vorrei capire perché dobbiamo continuare a prenderceli... la cosa era già ovvia, ma adesso anche il governo ammette il rischio. Chiusura immediata dei porti, e rimpatri coatti. Grazie