Cronaca » Nule
Loading the player...

Omicidio di Stefano Masala
In aula lo strazio dei familiari

Giovedì 19 Ottobre alle 13:21 - ultimo aggiornamento alle 20:48


Cinque i testimoni, di cui ben quattro familiari di Stefano Masala, il ragazzo di Nule scomparso la sera del 7 maggio del 2015, in un'udienza fiume e a tratti drammatica.

Nel processo in corso in Corte d'assise a Nuoro a carico di Alberto Cubeddu di Ozieri - accusato in concorso con suo cugino Paolo Pinna dell'omicidio dello studente di Orune Gianluca Monni e di Stefano Masala di Nule - anche oggi fino al tardo pomeriggio non sono mancati momenti di tensione nei diversi scontri accesi tra pubblica accusa, parti civili e i difensori dell'imputato.

Sul banco dei testimoni sono sfilati Marco, Giuseppe, Valentina e Alessandra Masala, padre e fratelli del ragazzo scomparso la sera del 7 maggio del 2015. Prima di loro Nino Goddi di Orune, amico di Gianluca Monni che assistette nella sala da ballo al litigio ritenuto dagli inquirenti la causale dei delitti.

In particolare Marco Masala - è stata la sua la deposizione più lunga, spesso interrotta dalle lacrime - ha ricordato in maniera lucida quei terribili momenti di due anni fa. Quell'ultima sera trascorsa con il figlio a cui prestò la macchina. A quel ragazzo semplice che gli disse che doveva incontrare una ragazza, ma non fece più ritorno a casa. Dal genitore il terribile racconto delle ricerche e delle varie testimonianze raccolte che lo portavano a Pinna con cui suo figlio pare abbia trascorso parte delle serata. Poi le indagini anche private, la speranza che lo portò anche a Roma per seguire una segnalazione arrivata alla famiglia. Ed infine il dramma nel dramma con la morte di sua moglie Carmela, distrutta dal dolore e dalla malattie ad un anno esatto dalla scomparsa del figlio.

Si torna in aula il 16 e il 17 novembre.

PINNA CONDANNATO A 20 ANNI:

 
il luogo dell omicidio di monni
Delitti di Orune e Nule: le motivazioni della sentenza del Gup per Pinna e Taras

IL TENTATIVO DI FUGA:

 
la chiesa dove stato fermato pinna
Omicidio di Orune, arrestato Paolo Pinna dopo l'evasione dal carcere

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

3 commenti

  • user215650 19/10/2017 21:50:36

    basta queste condanne a 20 anni....per gli assassini ci vuole l'ergastolo.
  • user212883 19/10/2017 21:42:45

    Grande dignità disponibilità e pazienza di queste persone alla quale manca un pezzo di vita...
  • Leop81 19/10/2017 20:34:40

    Questa storia tragica dimostra a che punto è scesa l'umanità, siamo già negli inferi. In questa Terra. 2 morti, giovanissimi, dolore e rabbia, tutto per futilissimi motivi. Se fossi nel padre di Stefano però qualche rimorso lo avrei. Per il fatto che il suo ragazzo gli abbia detto, prima di uscire per non fare più ritorno, che doveva incontrare una ragazza... A me personalmente mi avrebbe fatto sospettare. Con tutto il rispetto. A buon intenditor.