Cronaca » Germania

Prodotti italiani venduti all'estero: "Ma sull'etichetta non compare la Sardegna"

Sabato 07 Ottobre alle 08:24 - ultimo aggiornamento alle 15:17


L'etichetta senza la Sardegna

"Ancora una volta la cartina dell'Italia senza la Sardegna": a segnalare il caso di esclusione dell'Isola dalla rappresentazione grafica nell'etichetta di un prodotto alimentare è una nostra lettrice, originaria della provincia di Cagliari ed emigrata a Monaco di Baviera, in Germania.

Il prodotto è il Limoncino commercializzato all'estero da una nota azienda con sede a Finale Emilia, nel Modenese, "che vanta oltre 200 anni di esperienza", scrive la lettrice: "Mi chiedo come sia possibile al giorno d'oggi una simile dimenticanza".

La vicenda è iniziata a fine giugno, quando, in un supermercato, viene notata quella bottiglia nella quale è rappresentata l'Italia senza la Sardegna: "Ho quindi contattato via mail l'azienda, senza ottenere alcuna risposta ma sperando che quell'errore fosse stato rimosso. Quando sono rientrata in Sardegna, in effetti, la cartina dell'Italia non era più presente sull'etichetta".

Qualche giorno fa, la nostra lettrice è tornata al supermercato di Monaco per acquistare di nuovo il prodotto: "E ho scoperto che non è cambiato nulla. La nostra Isola non compare, e questo succede solo per le bottiglie vendute all'estero".

GLI INDIPENDENTISTI - Secondo Pier Franco Devias, tra i più convinti sostenitori della necessaria indipendenza della Sardegna, nulla di nuovo sotto il sole: "Della nostra Isola non ci si occupa quando la si può inserire in qualche campagna pubblicitaria, ma solo quando c'è da scaricare il 60 per cento delle basi militari. Allora sì che la Sardegna viene ricordata".

L'episodio dell'etichetta gli sembra "una dimostrazione di poca serietà dell'azienda, ma non credo ci sia dietro alcun intento politico, probabilmente, invece, una svista dettata dal pressapochismo. Tanto l'indipendenza non la si può certo ottenere a colpi di cartine trascurate".

STEFANO MAULLU - Il parlamentare europeo di origine sarda Stefano Maullu aggiunge che "è inaccettabile che un'azienda italiana si dimentichi della Sardegna. Non tanto per il prodotto che propone, ma proprio per l'idea che sta dietro il progetto di promozione delle specialità italiane", e anticipa l'intenzione di scrivere alla ditta produttrice "e al ministero competente italiano".

"Chi propone un concetto di tipicità - conclude - non può certo dimenticarsi un pezzo del Paese".

Sabrina Schiesaro

IL CASO SULLA RIVISTA ALITALIA:

 
la rivista dell alitalia
Sardegna cancellata nella rivista di bordo. L'Alitalia si scusa: "Errore di stampa"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

11 commenti

  • user234442 08/10/2017 20:22:49

    Mi sento offesa come sarda e come italiana. Principalmente ogni sardo dovrebbe ritenersi così a mio avviso, perché significa sentirsi inesistente. Sicuramente la Sardegna è abbastanza conosciuta dai tedeschi, ma non per questo un'impresa di Modena che produce un liquore italiano deve rimuovere la nostra Isola dalla cartina.
  • cagliarese 07/10/2017 17:39:21

    ma i costi del trasporto sono solo per esportare dalla sardegna?invece per importare sono gratis?visto che importate tutto dal "continente",il 75%, di quello che consumate anche l'acqua imbottigliata importate!dalle alpi poi autostrada e traghetto e costa meno!non è che come ovvio sia un problema di quantità?per non parlare di prezzi assurdi.ormai il made in sardinya sono solo prodotti di nicchia,da gourmet.
  • sadam 07/10/2017 15:02:09

    grazie per la pubblicazione del mio commento, siete speciali!!!
  • be 07/10/2017 13:33:36

    non è la prima volta che la sardegna non compare nella cartina Italiana per user220814 07/10/2017 09:40:26 la mancanza dei prodotti sardi non è per i costi di spedizione ma della produzione non ne abbiamo l'esempio viene dai salumi dobbiamo importare i suini perchè in sardegna non bastano quelli che alleviamo lo diceva sempre il signor MURRU di Irgoli e aveva ragione da vendere
  • marco1975 07/10/2017 12:59:10

    E’ un orgoglio non apparire in quello schifo di pubblicità....L’amore dei tedeschi verso la Sardegna è una realtà visibile a tutti. Quel cartellone è solo spazzatura...
  • RIO-14 07/10/2017 12:52:32

    Meglio cosi ...noi esportiamo solo alimenti genuini e sani col marchio sardegna
  • user220794 07/10/2017 12:00:42

    Nel loro subconscio lo sanno anche loro che la Sardegna non è Italia.
  • Chiara_71 07/10/2017 11:53:37

    In effetti non e' una novita' il fatto che spesso la Sardegna non compaia nella cartina.
  • user233518 07/10/2017 10:59:29

    Io al tuo posto berrei il mirto ! Non comprare piu' il limoncino...
  • meri11 07/10/2017 10:24:23

    Ma se non figuriamo nella cartina, perché invece per le schifezze di questo paese figuriamo benissimo e siamo costretti a pagare per tutti i loro imbrogli? Nel bene non figuriamo e nel male sì, com'è questa storia? Quando cominceremo a staccarci come la Catalogna e a mollare questa schifezza?