Cronaca » Provincia di Roma

Migranti, meno arrivi in Sardegna
"Accoglienza sotto la quota massima"

Mercoledì 04 Ottobre alle 18:03 - ultimo aggiornamento Giovedì 05 Ottobre alle 10:04


Uno sbarco di migranti dall'Algeria

"Un importante risultato per la Sardegna". Questo il commento dell'assessore degli Affari generali Filippo Spanu al termine dell'incontro al ministero dell'Interno, con Mario Morcone, capo di Gabinetto del ministro Minniti, e con Gerarda Pantalone, capo Dipartimento per le libertà civili e per l'immigrazione.

"L'isola è ora al di sotto della quota massima di accoglienza dei migranti a essa destinata nell'ambito della Conferenza delle Regioni", ha aggiunto Spanu. "Il presidente Pigliaru in più occasioni aveva espresso al governo l'urgenza di intervenire per riportare la soglia a livelli di normalità, e aveva ricevuto garanzie dal ministro Minniti per arrivare a un calo significativo delle presenze con un'azione comune di costante monitoraggio".

Poi i numeri: "La quota attuale si attesta al 2,83%, (rispetto al totale delle presenze nel territorio nazionale), quindi al di sotto della quota concordata del 2,96%. Si tratta di circa 5.500 migranti presenti attualmente nei centri di accoglienza e negli Sprar", ha aggiunto dopo il vertice a cui hanno preso parte anche Tiziana Costantino e Carolina Bellantoni, a capo delle prefetture di Cagliari e Nuoro.

Filippo Spanu
Filippo Spanu

"Con la diminuzione degli sbarchi dei richiedenti asilo e protezione internazionale possiamo gestire in modo più puntuale ed equilibrato il sistema dell'accoglienza e dell'inclusione e mettere in campo le iniziative previste nei Protocolli d'Intesa su accoglienza diffusa e volontariato sociale che sottoscriveremo nei prossimi giorni con prefetture e Anci", ha chiarito ancora Spanu.

All'ordine del giorno della riunione non è mancato un capitolo relativo agli arrivi di migranti, questi sì sempre più frequenti, dall'Algeria. "Oggi - ha spiegato Spanu - i vertici del ministero ci hanno comunicato che la maggior parte delle persone che hanno utilizzato il canale algerino sono già fuori dal territorio regionale. Chi arriva con gli sbarchi diretti resta per pochi giorni e, al termine delle procedure amministrative, abbandona l'Isola. Abbiamo chiesto con forza che il governo intensifichi il dialogo con le autorità algerine e percorra tutte le possibili strade per bloccare il flusso e dare corso ai rimpatri".

Quanto al progetto del Centro di permanenza per i rimpatri in Sardegna, per l'assessore Spanu rapprensenta "un efficace strumento di dissuasione ad affrontare il viaggio dal Nord Africa alla volta delle coste del Sulcis. C'è la disponibilità del Comune di Macomer a ospitare il Cpr con precisa richiesta di garanzie", come la destinazione esclusiva migranti in arrivo dall'Algeria e un rafforzamento delle forze di polizia nei territori interessati dagli sbarchi e dalle fasi di detenzione amministrativa nel Centro.

Il prefetto Morcone ha confermato che l'apertura di un Cpr "deve avvenire in tempi celeri ma con la condivisione della Regione e della comunità interessata".

(Redazione Online/m.c.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

34 commenti

  • waluss01 11/10/2017 12:41:09

    5500 ? Ma chi ci crede? Solamente a Roma cifra data dal TG1 ci sono mezzo milione di illegali più gli altri. E quelli che sono in giro? Quanti sono? Chi sono? Da dove vengono? Dove andranno? Che faranno? Sono vaccinati? Chi li riporterà in Africa e quando?
  • waluss01 11/10/2017 12:38:27

    La Sardegna e l' Italia è piena di africani che vagano per le campagne, rinchiusi in alberghetti, pensioni e stipati in centri di accoglienza. Senza un piano preciso, senza documenti con identità spesso false e con purtroppo per tutti senza nessuna prospettiva. Parliamo di cifre enormi frutto di una politica - non politica scellerata degli ultimi 10 anni. Che ce ne facciamo? E quanto ci costeranno e ci costano?
  • Utente_US 05/10/2017 19:24:21

    numeri MANIPOLATI.
  • lucky29 05/10/2017 12:46:29

    X CHIARA _71: "Ormai con Schengen l'Europa e' un unico grande paese in cui non si controllano gli accessi quindi chi entra e' dentro ed e' libero di circolare ovunque senza alcun limite." MA IN CHE MONDO VIVI? FATTI UN GIRO AL CONFINE DELLA FRANCIA, AUSTRIA,TEDESCO E DELLA SVIZZERA, POI NE RIPARLIAMO. I CONFINI NON SONO CHIUSI MA BLINDATI !!!!
  • user213094 05/10/2017 12:43:07

    Una notizia di qualche giorno fa riferiva che, invece, la Sardegna sta subendo il maggiore impatto del flusso migratorio....
  • Chiara_71 05/10/2017 12:32:26

    Cagliari963 09:54:29 , ottima osservazione e inoltre vorrei aggiungere che non importa se i clandestini lasciano la Sardegna. Ormai con Schengen l'Europa e' un unico grande paese in cui non si controllano gli accessi quindi chi entra e' dentro ed e' libero di circolare ovunque senza alcun limite. Qualunque intenzione abbia. Credo inoltre che questi dati vengano divulgati x calmare i cittadini esasperati dalla microcriminalita' che ovviamente non riguarda tutti i migranti, fortunatamente
  • arrovigodd 05/10/2017 11:45:05

    Come al solito, siamo al gioco delle tre carte! La quota si riferisce solo a quelli presenti nelle strutture, MA NON ALLE MIGLIAIA DI CLANDESTINI (sottolineo CLANDESTINI) usciti dai Centri, perchè NON riconosciuti profughi, che girovagano per tutta la Sardegna solo per delinquere! Povera Sardegna!!
  • user234364 05/10/2017 11:11:52

    Grazie al cavolo,ormai li abbiamo tutti dentro.
  • user224204 05/10/2017 10:51:07

    Dalla padella alla brace, bella fine stiamo facendo, la pattumiera dell' Italia siamo noi.
  • Sorigumaccu 05/10/2017 10:37:59

    Evidentemente quelli che stanno alla marina con un foglio di via, non partecipano al computo. Quindi va tutto bene..., secondo le statistiche!