Cronaca » Quartu Sant'Elena

Quartu, notte da incubo: la puzza di bruciato provoca nausea e tosse nei residenti

Martedì 19 Settembre alle 08:30 - ultimo aggiornamento alle 21:39


L'incendio

È stata una notte difficile per i cittadini di Quartu Sant'Elena.

L'odore insopportabile di bruciato si è fatto sentire di nuovo e in modo pungente, tenendo i residenti svegli.

La puzza è stata percepita fino a Sestu. Molti hanno accusato ancora dei malori, nausea, tosse, dolore agli occhi e mal di gola.

In poche ore al centralino dei vigili del fuoco sono arrivate oltre cento telefonate di persone arrabbiate e preoccupate. Nonostante le segnalazioni, infatti, il problema non è stato ancora risolto.

Continua a bruciare la discarica sotterranea del Molentargius sotto una coltre di settanta centimetri di cenere, nella zona dietro via Bizet.

Bruciano pneumatici, buste di plastica, detriti e canne per via del riaccendersi di un focolaio dell'incendio di giugno.

Durante il sopralluogo di vigili urbani, vigili del fuoco e protezione civile andati sul posto, che pare un paesaggio lunare, è stato mostrato quale percorso potrebbero seguire le ruspe aggirando gli argini, per rimuovere il tutto.

L'intervento con gli elicotteri pare che sarebbe solo un palliativo che non risolverebbe il problema.

Si terrà in prefettura a Cagliari questo pomeriggio il tavolo tecnico richiesto dal sindaco Stefano Delunas per decidere come agire per porre rimedio al problema della discarica sotterranea di Molentargius. Saranno presenti tutti gli enti interessati.

Nel frattempo i quartesi continuano a respirare questo fumo tossico.

I rifiuti
I rifiuti

 
il fumo nero dal parco molentargius
Quartu, focolai in discarica: fumo nero e puzza

IL SERVIZIO DEL TG DI VIDEOLINA:

Video: Quartu, un'altra notte da incubo per i fumi tossici: "È vera emergenza"

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • user217570 19/09/2017 23:39:22

    La vera ignoranza è inquinare e tacere
  • user225159 19/09/2017 17:28:02

    Ho già segnalato alla Prefettura di Cagliari il problema. Nel frattempo i cittadini di Quartu e non solo stanno respirando chissà quali sostante tossiche. Non penso che i servizi su Videolina o le conferenze di servizi risolveranno il problema. Esistono corpi forestali, esercito e strutture apposite per intervenire con l'urgenza del caso, cioè subito. Tra l'altro l'area è chiusa e dovrebbe essere controllata attraverso TVCC da diversi anni, come mai qualcuno parla di discarica, chi sapeva?
  • gzola 19/09/2017 15:20:36

    L'ignoranza di alcuni commentatori lascia sbigottiti...
  • user233961 19/09/2017 13:57:45

    Io abito più vicino a V.le Colombo ma vi assicuro che i miasmi sono aumentati negli ultimi 5 gg, complice il vento forse non so, mi sveglio in piena notte e le prime notti controllavo tutto le stanze per paura che ci fosse qualche corto, controllavo anche dalle verande che non stesse bruciando qualche auto...
  • mercer 19/09/2017 11:11:57

    E' inutile, qua se non ci scappa la tragedia, nessuno fa un bel niente. Intanto col maestrale la prossima notte sarà come le ultime, ossia con finestre chiuse e con gli effluvi venefici che si insinuano comunque dentro le abitazioni; alla fine della giostra avremo una bella quota di cittadini ammalati e inc.....i come belve.
  • user233956 19/09/2017 09:44:53

    questa puzza va avanti da troppi giorni, devono risolverla al piu'presto,possibile che serva tutto questo tempo per tutelare la salute di noi cittadini? inoltre non sappiamo se questi odori sgradevoli, come li chiama il comune di quartu, possano depositarsi sulla biancheria stesa, sui prodotti che consumiamo, tipo basilico ecc. abbiamo bisogno di sapere cosa sta succedendo per tutelarci.
  • user217570 19/09/2017 09:02:34

    Ma io vorrei sapere se gli abitanti di quelle palazzine in tanti anni non hanno mai visto movimenti sospetti di mezzi che andavano dietro i canneti. Non ci credo. Se non avete mai segnalato tenetevi la puzza e la bella vista.