Cronaca » Uta

Risse e fuoco in una cella del carcere di Uta: "Situazione fuori controllo"

Domenica 20 Agosto alle 11:34 - ultimo aggiornamento alle 14:55


Il carcere di Uta

Ha appiccato il fuoco nella propria cella e il fumo creato dal rogo ha cominciato a investire l'intera sezione del carcere di Uta, dov'è rinchiuso.

Protagonista della vicenda, avvenuta lo scorso venerdì, un detenuto maghrebino. Gli agenti sono intervenuti evitando che l'incendio provocasse danni maggiori.

Il giorno successivo, invece, si sono verificate contemporaneamente alcune risse in diverse sezioni del penitenziario. La calma è tornata grazie all'intervento della polizia penitenziaria.

Poco dopo un detenuto si è barricato nella propria cella e ha distrutto tutti i suppellettili, allagando poi l'intera sezione e creando così non poco scompiglio.

A denunciare la situazione nel carcere è il segretario generale per la Sardegna della Uil Pa Polizia Penitenziaria, Michele Cireddu, che ha detto: "Sembra la descrizione di una giornata di guerriglia urbana, ma purtroppo quelli descritti sono scenari frequenti. Crediamo che per evitare o quantomeno ridurre tali eventi sia necessaria una riorganizzazione o forse un'organizzazione della politica penitenziaria sarda. Scriveremo al capo del dipartimento e chiederemo un'ispezione dipartimentale sulla gestione del distretto e degli istituti".

(Redazione Online/m.c.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

1 commenti

  • Fisieddu 20/08/2017 17:01:08

    Bei tempi quando i carcerati non venivano lasciati a oziare e innervosirsi in cella tutto il giorno, ma venivano mandati a svagarsi nelle saline.