Cronaca » Spagna

Barcellona, la madre del terrorista in fuga: "Si consegni". Oggi messa alla Sagrada Familia

Domenica 20 Agosto alle 07:11 - ultimo aggiornamento alle 09:09


La manifestazione di ieri in ricordo delle vittime

"Voglio che si consegni. Non voglio che uccida altre persone, l'Islam non dice questo".

Queste le parole pronunciate dalla madre di Younes Abouyaaqoub, il 22enne sospettato di essere il conducente del furgone che giovedì ha ucciso 12 persone sulla Rambla, rivolte al figlio ancora in fuga.

La donna ha partecipato a una manifestazione a Ripoll per condannare gli attacchi ed esprimere dolore per le vittime.

Younes Abouyaaquoub
Younes Abouyaaquoub

L'IMAM DI RIPOLL - Secondo quanto ricostruito finora, l'imam di Ripoll (centro a nord di Barcellona), Abdelbaki Es Satty, avrebbe avuto legami con alcuni degli arrestati per gli attentati dell'11 marzo del 2004 a Madrid.

A scriverlo sono i quotidiani spagnoli, che citano fonti dell'antiterrorismo, secondo cui l'imam 45enne - considerato il leader della cellula terroristica responsabile degli attacchi a Barcellona e Cambrils - era uscito di prigione il 5 gennaio del 2012, dopo aver scontato una condanna per reati legati all'immigrazione.

MESSA SOLENNE ALLA SAGRADA FAMILIA - Messa solenna, questa mattina, alla basilica della Sagrada Familia, citata tra gli obiettivi dei terroristi che hanno colpito la città catalana e Cambrils. Alla funzione, presenti anche re Felipe VI, il premier spagnolo Mariano Rajoy, il presidente della Generalitat, Carles Puigdemont e il sindaco di Barcellona, Ada Colau.

IL CORDOGLIO DI ALFANO - Oggi il ministro degli Affari esteri, Angelino Alfano, si recherà a Barcellona per deporre una corona di fiori sul luogo dell'attentato sulla Ramblas, in prossimità del mosaico di Mirò, all'altezza della Calle Pla de la Boqueria.

Nel pomeriggio, al Consolato generale d'Italia, incontrerà le famiglie delle vittime e dei feriti.

(Redazione Online/m.c.)

 
carmen lopardo la terza vitima italiana dell attentato di barcellona
Attentato a Barcellona, è caccia ad Abouyaaqoub. Una terza vittima italiana

 
un minuto di silenzio per le vittime
Barcellona, un'italoargentina tra le vittime: ritrovato il bimbo disperso

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

3 commenti

  • Alexsardo 21/08/2017 19:01:10

    Signora..... CONSEGNATO!!!
  • Shaggy66 20/08/2017 13:00:56

    Mentre non ho alcuna obiezione per una società multietnica trovo difficile il concetto di multiculturalità, cioè di riconoscimento di valori comuni anche nella diversità, quando alcune persone si estremizzano in una religione che non ha avuto alcun processo di secolarizzazione. Per l'Islam infatti la religione e lo stato sono una cosa sola, con diverse sfumature, fino ad arrivare al concetto estremo di Sharia che sostituisce l'ordinamento giuridico dello stato stesso. La vedo molto dura...
  • Chiara_71 20/08/2017 10:38:31

    Immagino la tragedia nella tragedia di questa donna se davvero non sapeva niente. Comunque incredibile, giovanissimi con una vita davanti che sprecano le loro esistenze uccidendo innocenti mentre potrebbero avere tutte le opportunità di questo mondo. Incredibile anche come la politica non condanni severamente questi atti. Più che condanne ho letto difese alla società multiculturale dopo tutti gli attentati.