Cronaca » Provincia di Enna

Muore a 30 anni per il troppo lavoro: la Cassazione condanna la Asl

Sabato 17 Giugno alle 19:13 - ultimo aggiornamento alle 20:59


Un'aula di tribunale

I turni eccessivi possono uccidere, e uccidono.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, secondo cui la Asp (l'Azienda sanitaria provinciale) di Enna sarebbe responsabile del decesso di un dipendente dell'ospedale di Nicosia, Giuseppe Ruberto, morto a trent'anni per "superlavoro".

Gli eredi saranno dunque risarciti.

L'uomo, un tecnico radiologo, era sottoposto a orari massacranti, sostiene l'avvocato della famiglia. Basti pensare che, in sette anni, lui e i suoi tre colleghi hanno effettuato più di 145mila esami.

Teoricamente non si era mai lamentato delle sue condizioni. Ma questo, per i giudici, non toglie al datore di lavoro la responsabilità di garantire ai dipendenti il giusto carico di attività.

La stessa Asp, in passato, era stata condannata a risarcire per migliaia di euro tre chirurghi, per averli costretti al triplo delle ore di reperibilità.

(Redazione Online/D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook