Cronaca

La Repubblica compie 71 anni. A Roma la grande festa tricolore

Venerdì 02 Giugno alle 08:54 - ultimo aggiornamento alle 16:12


Lo show delle Frecce tricolori

"Nel settantunesimo anniversario della nascita della Repubblica Italiana, rivolgo il mio saluto agli uomini e alle donne delle nostre forze armate ed insieme a loro rendo omaggio ai tanti caduti lungo il difficile e sofferto cammino del nostro Paese verso la libertà e la democrazia".

Queste le parole indirizzate dal presidente della Repubblica al capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, in occasione della Festa nazionale del 2 giugno.

"I valori che ci hanno unito il 2 giugno del 1946 - ha aggiunto Mattarella - continuano a guidarci per realizzare lo stesso desiderio dei nostri padri: dare alle future generazioni un'Italia in pace, prospera e solidale, in grado di assolvere a un ruolo autorevole e propulsivo all'interno di quella comunità internazionale che abbiamo contribuito a edificare".

Per commemorare la ricorrenza, dai palazzi dei ministeri a Roma sono state calate delle imponenti bandiere tricolori.

Quindi, all'altare della Patria, l'omaggio delle autorità ai caduti, prima della tradizionale parata ai Fori Imperiali, con circa 4mila uomini e donne, mezzi e dotazioni dei corpi militari e civili.

LO SHOW DELLE FRECCE TRICOLORI - VIDEO:

Video: Festa della Repubblica, le Frecce Tricolori volano sui cieli di Roma

Guarda questa gallery nel canale Multimedia


LA MARCIA DEI BERSAGLIERI - VIDEO:

Video: 2 giugno, la marcia dei bersaglieri ai Fori imperiali

Guarda questa gallery nel canale Multimedia


LE CELEBRAZIONI A CAGLIARI:

 
il prefetto tiziana giovanna costantino
Cagliari, celebrata in piazza Palazzo la Festa della Repubblica

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

12 commenti

  • Giano 03/06/2017 12:41:25

    Mai discutere con i matti e i comunisti: si perde tempo, si sprecano energie preziose e si mette a rischio la salute. Chi vuole intendere in tenda: gli altri in sacco a pelo.
  • LAPUA338 03/06/2017 11:50:09

    user223828, qui' non si tratta di nostalgici o altro ma semplicemente di realta' dei fatti, passati e odierni... Questa a te sembra democrazia ? dove tutti son comandati da una banca straniera fondata sul nulla e che sta' distruggendo economie e nazioni.. Non ti rendi conto della pagliacciata politica ? Non ti rendi conto che siete in pochi a difendere, MINORANZA.., Non ti rendi conto che ci e' stato tolto pure il diritto di voto? Vai e studia .. e bene..
  • Coccoloco 03/06/2017 08:42:47

    Puntuale come ogni anno, ecco la solita inutile (e COSTOSA) parata professionisti della politica, in cerca di vana gloria e visibilità elettorale; pronti ad infinocchiare il popolo bue con le loro ipocrisie, falsità e discorsi retorici di terz'ordine!!! Ma l'Italia vera, quella dei cittadini che lavorano sodo, quelli che soffrono tutti i giorni per arrivare a fine mese, quelli completamente dimenticati dallo stato credo che abbiano poca voglia di festeggiare!!!!
  • VEPA 02/06/2017 23:36:25

    Prof user 223828, questa Repubblica è nata grazie ad un referendum taroccato, quindi c'è poco da festeggiare. Altro discorso è l'amore per la Patria ed ai suoi valori che devono essere ben presenti tutti giorni dell'anno. Una cosa è certa, con tutti i difetti e gli errori del ventennio, non era mai stata ridotta al lettamaio attuale e questo grazie alla sinistra e a tutte le sue appendici. Le piaccia o no prof. user 223 etc. questa e la realtà nuda e cruda.
  • Entu 02/06/2017 21:01:34

    Siamo in democrazia: è il Popolo che manca.
  • LAPUA338 02/06/2017 18:27:24

    Concordo Giano...Perche' non fanno il solito discorso sulla giustezza delle cessioni di sovranita' ? Quale occasione e sede migliore...
  • user223828 02/06/2017 16:58:25

    Ecco i prodi italiani che escono allo scoperto, capitanati dall'eroico GIANO che in qualità di nostalgico del Ventennio, sente uno struggente ricordo del Cavaliere Benito Mussolini. E gli amici di Giano applaudono festanti. A Giano dico: vai a ripassare la Storia, sei paurosamente carente. Non immagini lontanamente cosa significa per l'Italia festeggiare la Repubblica, diretta conseguenza dell'infausto periodo di Mussolini e dei Savoia. Studia Giano: non è mai troppo tardi per te.
  • vnb5 02/06/2017 15:14:20

    daccordissimo giano
  • Macomerese53 02/06/2017 14:17:59

    Giano, i valori bollati, non si trovano più neanche in tabaccheria. Comunque questa festa ricorda quella delle donne o quella degli innamorati. Si ricorda una volta l'anno. La nostra Repubblica la dobbiamo ricordare tutti i giorni!
  • Giano 02/06/2017 12:52:17

    Non parlate dei morti che avete tradito. Se i “caduti” vedessero come avete ridotto l’Italia, quella per la quale sono morti, e che quell’Italia la state regalando agli invasori; se potessero farlo, uscirebbero dalle tombe e vi rincorrerebbero per strada con i forconi, vi butterebbero a mare, inseguendovi fino alle coste libiche per gettarvi in terra africana e lasciarvi lì, come meritano i traditori della patria. E sarebbero già molto generosi a salvarvi la vita.