Cronaca » Orgosolo

Orgosolo, emergenza siccità: "La Regione intervenga subito"

Venerdì 26 Maggio alle 16:17


Il sindaco di Orgosolo, Dionigi Deledda

È emergenza siccità: la giunta di Orgosolo invoca lo stato di calamità naturale.

Durante la seduta di stamane, l'esecutivo del paese barbaricino ha votato una delibera con la quale si chiede alla Regione Sardegna un impegno concreto per dare risposte immediate di fronte alla grave situazione di difficoltà che colpisce il mondo delle campagne.

La pioggia che non arriva, l'acqua che scarseggia, mangimi sempre più cari e il prezzo del latte che continua a precipitare.

"È una crisi continua - spiega il sindaco Dionigi Deledda - si aggiunge disperazione alla disperazione: servono autobotti che approvvigionino le aziende, servono risorse per l'acquisto di foraggio e cibi per il bestiame. I nostri allevatori non riescono più a mantenere gli animali: ogni giorno giungono al municipio nuove segnalazioni, c'è bisogno, dunque, di risposte subito".

"Tre eventi calamitosi così ravvicinati hanno rappresentato il colpo di grazia su un comparto già in grave crisi - prosegue il primo cittadino - la viabilità rurale e i collegamenti sono al collasso, molte realtà economiche sono ancora isolate o difficili da raggiungere: servono subito interventi".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

1 commenti

  • Giano 26/05/2017 21:21:58

    Sono certo che la Regione non resterà insensibile. Anzi risponderà con la massima celerità. Domani si armeranno tutti di secchi e correranno a portare acqua ad Orgosolo. In alternativa, se non c'è acqua, giusto per tenere alto il morale, organizzate un bel recital di poesia, come fanno a Cagliari alla Grotta della vipera. Infatti dicono sempre che "la gente ha sete di cultura", non che hanno sete di acqua. E se lo dicono gli intellettuali, artisti, attori e poeti non possono sbagliare. No?