Cronaca » Sardegna

Sardegna, si aggrava la siccità: stato di allerta per numerosi bacini idrici

Sabato 13 Maggio alle 10:35 - ultimo aggiornamento alle 11:30


Un'immagine aerea della diga sul Liscia (foto d'archivio)

Continua a non piovere sull'Isola dove da metà febbraio, dopo una prima parte d'inverno particolarmente perturbata, predominano strutture anticicloniche prima dalle caratteristiche sub tropicale, accompagnate da temperature molto elevate, umidità e polveri desertiche, poi oceaniche (alta pressione delle Azzorre), caratterizzate da venti più sostenuti che accentuano l'evaporazione.

Maggio finora ha portato accumuli pluviometrici miseri, ovunque compresi tra 0 millimetri e 5 millimetri, e non proporrà alcun cambiamento significativo almeno fino all'ultima decade del mese.

Va progressivamente assottigliandosi l'approvvigionamento idrico nei bacini artificiali dei quali abbiamo disponibile un dettagliato report realizzato sul finire di aprile.

La situazione peggiore si registra nel sistema del Sulcis Iglesiente dove gli indicatori di stato oscillano tra l'allerta e l'emergenza. Qui il volume invasato non va oltre il 45,62%. Seguono i bacini della Sardegna nord occidentale (Coghinas, Mannu, Temo) con un volume totale invasato che ammonta al 68,55%. In questo settore di analisi lo stato di siccità va aggravandosi verso ovest: il Bidighinzu ha invasato solo il 23,94% del suo totale, Monte Leone Roccadoria il 33,2% e il Cuga il 36,26%.

Stato di allerta anche per il Sistema dell'Alto Taloro, Alto Coghinas, Posada, Cedrino. Pre allerta per il Sistema Ogliastra, Tirso e Flumendosa mentre persiste ancora uno stato di normalità nel Sistema della Gallura dove il Calamaiu (Liscia) ha invasato il 77,03% delle risorse complessive. Esaminando nel complesso la Sardegna l'indicatore di stato indica un livello di pre allerta ormai prossimo, in virtù delle allarmanti tendenze proposte dai modelli previsionali a lungo termine, all'allerta.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • user227816 15/06/2017 19:34:32

    Quei signori che avete messo a sedere sulle poltrone a Cagliari,cosa pensano di fare? Quei paesi civili, tipo gli EMIRATI ARABI O ISRAELE, come lo hanno risolto questo problema?
  • bluangel67 13/05/2017 16:47:29

    E chi se ne frega se i bacini sono all'asciutto, a me quando arriva la bolletta di Abbanoa di 213 euro di 4 mesi e per aver consumato 28 mc d'acqua credo non lo si scriva nell'unione sarda, vendono l'acqua a prezzo della birra.
  • Giano 13/05/2017 12:37:28

    Che ci frega, tra poco comincerà la stagione delle sagre, degli eventi culturali a base di musica, teatro, poesia, pecore bollite e culurgionis. Così dimenticheremo la siccità e ci divertiremo da morire. Creperemo sì, ma cantando e ballando; come sul Titanic.