Cronaca » Siria

Gentiloni negli Usa: "Rafforziamo i nostri legami". Stasera incontra Trump

Giovedì 20 Aprile alle 16:47 - ultimo aggiornamento alle 17:24


L'intervento di Gentiloni al Center for Strategic and International Studies

"Riaffermare il legame transatlantico è fondamentale".

Sono le prime parole del premier Paolo Gentiloni, atterrato poche ore fa a Washington per la prima visita di Stato italiana da quando Donald Trump è salito alla Casa Bianca.

Il primo ministro incontrerà il presidente americano stasera alle 21.

L'arrivo del premier a Washington
L'arrivo del premier a Washington

Intanto è ospite al Center for Strategic and International Studies (Csis), uno dei principali think tank Usa, dove ha affrontato i dossier più scottanti della politica estera, in particolare le crisi in Medioriente.

IL BOMBARDAMENTO IN SIRIA - "Credo che sia stata la cosa giusta da fare - ha detto Gentiloni, riferendosi al raid americano contro una base militare siriana in risposta agli attacchi chimici. Un messaggio chiaro al presidente Bashar Al Assad".

Anche se, ha aggiunto il premier, "questo non vuol dire che per l'Italia si possa pensare a una soluzione militare della crisi".

La platea del Csis
La platea del Csis

IL DOSSIER LIBICO - "La Libia rimane in cima alle nostre priorità", ha proseguito il premier, perché è una questione strettamente collegata al problema migratorio.

"Per affrontare certe crisi - ha concluso - è necessario rafforzare il legame Usa-Italia, ancoraggio storico della nostra politica estera".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook