Cronaca » Turchia

Turchia, delegazione italiana incontra in carcere il reporter Del Grande

Mercoledì 19 Aprile alle 11:52 - ultimo aggiornamento alle 20:20


Gabriele Del Grande

Qualcosa si muove nel caso che coinvolge il reporter e documentarista italiano Gabriele Del Grande, fermato in Turchia dalle autorità lo scorso 9 aprile in una zona al confine con la Siria a causa - questo è ciò che ufficialmente è stato affermato - della mancanza di alcune autorizzazioni.

Oggi una delegazione del consolato italiano a Smirne è andata al centro di detenzione amministrativa di Mugla, dove Del Grande è stato di recente trasferito, per incontrarlo. La notizia è stata diramata da alcune fonti interne al consolato.

 
gabriele del grande
Turchia, il giornalista italiano fermato: "Inizio lo sciopero della fame". Ieri la prima telefonata

LA FARNESINA - L'invio di una rappresentanza consolare era stato disposto dal ministro degli Esteri, Angelino Alfano, che ha annunciato anche un "imminente contatto con il governo turco" per risolvere la questione. "Sto lavorando con un contatto personale e diretto con l'esecutivo di Ankara", ha detto il titolare della Farnesina, mentre l'ambasciatore italiano Luigi Mattiolo ha trasmesso una richiesta ufficiale per la visita consolare come previsto dalla Convenzione di Vienna del 1963.

MANCONI: "LA SITUAZIONE SI STA AGGRAVANDO" -

Video: Del Grande, il senatore Manconi: "Vicenda più complicata del previsto"

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

Il ministero degli Esteri e l'Ambasciata ad Ankara stanno dunque seguendo il caso "con la massima attenzione e in costante contatto con i familiari" di Del Grande. La Farnesina infatti sta chiedendo con insistenza che il reporter possa ricevere regolare assistenza legale.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • MARIANO47 22/04/2017 15:10:34

    tutta scenegiata, i profughi stanno anche in italia, e solo x la sua visibilità da giornalista sconosciuto, x me puo anche stare in galera, deve rispettare le leggi della nazione che viene ospitato