Cronaca » Oristano

Oristano, il drammatico racconto di Angela: "Da sei anni sono vittima di stalking"

Giovedì 13 Aprile alle 06:59


Foto simbolo

Il nome, Angela, è di fantasia. Sono una drammatica realtà, invece, i sei anni vissuti, e purtroppo non ancora chiusi in una parentesi, con un terribile incubo giorno e notte: essere vittima di uno stalker che, invaghito di lei, l’ha perseguitata con messaggi al telefono, poi su Facebook; la pedina ancora, le invia perfino lettere di minacce.

L'articolo completo su L'Unione Sarda in edicola

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • user220836 13/04/2017 11:23:37

    Rimango convinto che, se la donna in questione, fosse figlia, moglie o sorella, del Questore, o del comandante dei Carabinieri, o di un Magistrato, l'avrebbero "convinto" a smetterla, già da molto tempo...
  • Buck675 13/04/2017 10:23:45

    Le forze del disordine perdono tempo perquisendo ragazzini e non con la speranza di trovare qualche grammo di fumo. Utilità sociale poca, ma si garantiscono spazio quotidiano nella cronaca locale.
  • Voxpopoli 13/04/2017 10:16:12

    legge italiana è inutile per queste cose, siamo un paese imbarazzante.
  • user220836 13/04/2017 09:11:48

    E lo Stato, dov'è^? Polizia, Carabinieri, Magistratura, dove sono...???
  • Fisieddu 13/04/2017 07:42:35

    Stalker: uguale cerebroleso, che unito ad una dose d'ignoranza, diventa una pericolosa miscela esplosiva, sopratutto per le donne. Questi soggetti andrebbero internati in apposite case di cura.