Cronaca » Nule

Delitti di Orune e Nule, il 18 aprile imputati dal gup

Sabato 08 Aprile alle 08:00


Il luogo dell'omicidio di Monni e nel riquadro Paolo Enrico Pinna

Mandato in archivio il verdetto di primo grado per Paolo Enrico Pinna, condannato dal Tribunale dei Minori di Sassari a vent'anni di carcere per gli omicidi dello studente Gianluca Monni di Orune e per Stefano Masala di Nule, l'attesa è per il 18 aprile davanti al gup di Nuoro.

Sarà il giudice Claudio Cozzella a dover decidere o meno il rinvio a giudizio di Alberto Cubeddu, cugino di Pinna e ritenuto dagli inquirenti coinvolto a pieno titolo nel duplice delitto dei due giovani.

Cubeddu, residente a Ozieri, non sarà il solo a doversi presentare in aula. Sotto accusa per minacce a un testimone Francesco Pinna, zio di entrambi gli indagati per il delitto, Antonio Zappareddu, di Ozieri, per il possesso di un fucile ma non coinvolto nel duplice omicidio.

Di minacce è accusato a Nuoro anche Paolo Pinna. Il presunto assassino di Nule, diventato maggiorenne, avrebbe infatti a più riprese minacciato un ragazzo di Orune, Pier Giorgio Massaiu, con ripetuti messaggi inviati su WhatsApp per recuperare la pistola che gli era stata portata via quando venne percosso da un gruppo di ragazzi del paese.

Approfondimenti su L'Unione Sarda in edicola

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

1 commenti

  • user215573 08/04/2017 07:46:10

    Ergastolo !!