Cronaca » Nule

Gli omicidi di Monni e Masala:
vent'anni di carcere per Pinna

Venerdì 07 Aprile alle 01:36


Il luogo dell'omicidio

Vent'anni di carcere: è la sentenza pronunciata nei confronti di Paolo Enrico Pinna, il ragazzo di Nule processato per aver ucciso il 19enne di Orune Gianluca Monni, e Stefano Masala, anch'egli di Nule, 28 anni.

A pronunciare il verdetto sono stati i giudici del tribunale dei Minori di Sassari (Pinna era minorenne all'epoca dei fatti, l'8 maggio 2015), che hanno così accolto la richiesta dell'accusa.

L'omicidio è avvenuto alla fermata del pullman, che Monni stava aspettando per andare a scuola; Masala, invece, risultava già scomparso dalla sera precedente, il suo corpo non è mai stata ritrovato, mentre la sua Opel Corsa è stata usata da chi ha sparato a Monni.

"Ora ci devono portare Stefano a casa", sono le uniche parole pronunciate dopo la sentenza da Marco Masala, il padre del 28enne di Nule di cui si erano perse le tracce la sera del 7 maggio 2015.

L'articolo completo su L'Unione Sarda in edicola

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

13 commenti

  • user221081 07/04/2017 13:53:31

    GinaPina chi commenta gli articoli lo fa solo con la speranza che chi ha subito un torto o come in questa caso una tragedia venga punito adeguatamente, molti di noi non conoscono a fondo la materia penale che riguarda la giustizia minorile, e comunque gli aspetti dell'intera vicenda non possono essere circoscritti all'aspetto se giudicare un minorenne o meno!
  • GinaPina 07/04/2017 09:49:08

    se chi commenta gli articoli avesse studiato qualche fondamento di diritto saprebbe che per i minorenni non è prevista la pena dell'ergastolo... così, giusto per dire! Pertanto i giudici di Sassari hanno inflitto il massimo della pena. è inutile che facciate i soliti commenti populisti sulla "povera italia" e sulla cattiva amministrazione della giustizia.
  • SpartacusVin 07/04/2017 08:26:45

    troppo poco. ergastolo e nessun sconto di pena. in questo modo sconterà meno della metà di quello che gli han dato
  • user221081 07/04/2017 08:16:13

    pochi !!!
  • user215573 07/04/2017 08:08:17

    20 anni x tutto il danno che a fatto sono pochi !!xo speriamo li faccia e che ogni giornata sua lunga come un mese!!!
  • sauel 07/04/2017 07:39:04

    Lavori forzati a vita
  • MareSardo 07/04/2017 07:16:27

    Pur non essendo un giurista, la pena appare decisamente molto inferiore rispetto alla gravità dei reati commessi. Il Giudice avrà applicato ciò che prevede la legge, ma la legge non tiene conto di a ciò che proveranno i genitori degli assassinati quando, tra meno di 20 anni (tra riduzioni e sconti vari), il colpevole sarà già in giro e loro magari non avranno ancora nemmeno una lapide su cui piangere.
  • mario_gua 07/04/2017 07:10:03

    Per i linciatori di professione, sceriffi a tempo perso: (a) il ragazzo era minorenne all'epoca dei fatti, quindi si applicano le pene per i minorenni; in particolare, niente ergastolo (b) la sentenza sembra un po' azzardata - solo indizi, niente prove, nemmeno la certezza che si tratti di due omicidi; vedremo se regge in appello.
  • user221081 06/04/2017 20:44:12

    Questa è giustizia...??.....finira che uscirà dal carcere dopo 5...6.....anni ....ogni altro giudizio è superfluo!!! L arroganza di questa vicenda è spaventosa
  • iskander66 06/04/2017 20:22:04

    Merita l'ergastolo, punto e basta. Chi fa quello che ha fatto Pinna è irredimibile e irrecuperabile e dovrebbe essere separato dalla società per sempre.