Cronaca » Cagliari

"Top italian scientists": in classifica 26 docenti dell'Università di Cagliari

Giovedì 30 Marzo alle 12:16


L'università di Cagliari

Sono ventisei i docenti dell'Università di Cagliari inseriti nella Top italian scientists, la classifica che rappresenta una sorta di "censimento" a livello nazionale e che raccoglie i nomi "top" del mondo accademico.

Come metro di valutazione ci sono la visibilità, le ricadute delle loro produzioni nella comunità accademica internazionale e la credibilità

I NOMI - Walter Fratta (dipartimento Scienze biomediche), Alberto Angioni (Scienze vita e ambiente), Ezio Carboni (Scienze biomediche) e Giorgio Giacinto (Ingegneria elettrica ed elettronica) fanno parte del pool di pregio che comprende, per Scienze biomediche, Amedeo Columbano, Irene Messana, Sebastiano Banni, Stefano Mariotti, Giovanni Mantovani, Micaela Morelli e Maria Antonietta Melis. Per la Chimica Vito Lippolis, per Scienze cliniche Alessandro Zuddas, Gian Benedetto Melis e Mauro Giovanni Carta. Fabio Roli e Giacomo Cao sono in classifica per Scienze del computer e Ingegneria. Astrofisica è rappresentata da Giulia Manca e Nicolò D’Amico. Per la Fisica Vincenzo Fiorentini e Sandro Massidda. Per Neuroscienze e psicologia Antonio Argiolas, Fabio Fadda, Antonio Preti, Marco Pistis e Maria Rosaria Melis. Inoltre, per Scienze biomediche, i professori in quiescenza Gian Luigi Gessa, Gaetano Di Chiara e Giovanni Biggio e i deceduti Antonio Cao e Renzo Galanello.

LA CLASSIFICA - Curata dalla Via-Academy, contiene i nomi di scienziati e "scholars" ritenuti di maggior impatto grazie al valore di H-index, ma, spiegano gli esperti, "ha anche dei limiti, poiché, in particolare, la frequenza di citazioni varia nei diversi campi del sapere, e risulta massima nella Fisica delle particelle e in certe aree biomediche come l'immunologia".

I dati, comunque, sono in continuo aggiornamento e secondo le ultime rilevazioni sono più di 4mila gli scienziati italiani.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook