Cronaca » Cagliari

Cartoni animati doppiati in lingua sarda: dalla Regione 100mila euro

Giovedì 30 Marzo alle 15:22


Un bimbo davanti alla tv

Centomila euro per il doppiaggio in sardo dei cartoni animati.

È l'importo col quale la Regione finanzierà l'iniziativa nell'ambito di un pacchetto approvato dal Consiglio sulla promozione della cultura e lingua sarda dopo l'emendamento presentato da Paolo Zedda dei Rossomori.

Altri 70mila euro verranno destinati all'organizzazione di un Festival itinerante delle arti e della tradizione della Sardegna.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

3 commenti

  • user226067 01/04/2017 19:27:19

    Una limba nomale depet èssere impreada in ogni situatzione mascamente de sa vida moderna. E is cartones animados agiuant sa trasmissione intergeneratzionale de su sardu chi est una parte dèbbile de su sardu. Bella initziativa mancari si depiat pònnere prus dinare pro custa faina. Chi non vede di buon occhio un'iniziativa come questa è perché ha una visione folkloristica e retrogada del sardo che fa valere con i soliti stantii argomenti. Saludos a totus.
  • user220814 30/03/2017 16:59:31

    Visto che la lingua sarda non produce niente in autonomia, perchè solo in pochi purtroppo la usano e la parlano, si deve ricorrere a queste misure sprecasoldi. Ma chi è che guarda poi questi cartoni animati? E gli altri 70.00 Euro? Come che in Sardegna non ci fossero abbastanza manifestazioni folcloristiche e pseudo artistiche già largamente finanziate! Invece che uscire dal provincialismo ci si rintana ancora di più. Cultura e lingua sarda si, ma vive e spontanee, non rette da tali stampelle.
  • Giano 30/03/2017 16:06:59

    Bene, bene, ecco i provvedimenti essenziali per il rilancio dell'economia, con grande beneficio di chi lavora al doppiaggio. Così anche zia Bissenta di Trescagheras potrà godersi i cartoni animati in sardo. Ci sarebbe da coprirvi di insulti, ma siccome qualcuno con questa mangiatoia e i contributi a pioggia ci campa, allora non si può dire. Quando si regalano soldi, va sempre bene; e si guadagnano voti e consensi. Così sa governare anche lo scemo del villaggio: E costerebbe molto meno.