Cronaca » Sinnai

Sinnai, un fiore per ricordare le due ragazze africane morte sulla barca che le portava in Italia

Lunedì 20 Marzo alle 20:02


La terra che copre le bare delle migranti

Sono rimaste per 18 mesi nella cella frigorifero del nuovo cimitero di Sinnai. Alcuni mesi fa le salme di due migranti morte schiacciate nel barcone che le portava verso l'Italia sono state tumulate sulla terra nuda. Su quelle lapidi senza nome, che raccolgono le salme di due ragazze arrivate probabilmente dal Corno d'Africa e rimaste senza nome, c'è ogni domenica chi fa cadere un fiore. Mani pietose che servono a ricordare il dramma vissuto da queste ragazze.

Dopo la morte in barca, le due salme arrivarono al porto di Cagliari e trasferite al cimitero di Sinnai. Qui, sono rimaste per 18 mesi in attesa di un riconoscimento che non è mai avvenuto. Alla fine dello scorso anno la tumulazione alla presenza del sindaco Matteo Aledda, del parroco don Giovanni Abis, di una rappresentanza di diverse religioni. Fu una cerimonia semplice alla presenza anche di un gruppo di cittadini.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook