Cronaca » Provincia di Roma
Loading the player...

Migranti, vertice a Roma. Gentiloni: "Chi promette miracoli crea illusioni"

Martedì 21 Marzo alle 10:28


Incontro, questa mattina a Roma, tra i ministri dell'Interno di diversi Paesi europei e nordafricani per parlare di profughi e flussi migratori. Un summit che aveva tra i primi punti in agenda l'individuazione di pratiche e politiche per "intensificare il coordinamento costante, la cooperazione e lo scambio di informazioni" per affrontare l'emergenza, che non accenna a diminuire. Anzi.

E cooperazione è stata infatti una delle parole chiave, così come scritto nella "dichiarazione di intenti" della riunione, coordinata dal capo del Viminale, Marco Minniti, assieme al commissario europeo Dimitri Avramopoulos.

LA LIBIA - "La lotta contro i trafficanti di uomini e la stabilità della Libia sono due facce della stessa medaglia, della stessa partita", ha detto appunto il ministro dell'Interno italiano, accennando al Paese al centro della "tratta" dei migranti e guidato da Fayez al Serraj, che era stato dato per assente data la situazione socio politica in cui è ripiombata Tripoli in questi ultimi giorni. "Nel solo 2016, più di 4.500 migranti sono morti o sono risultati dispersi in mare - è stato ricordato - e i dati del 2017 sulla migrazione confermano questa tendenza verso l'alto".

"INVESTIMENTI MOLTO SIGNIFICATIVI" - Poi il ruolo dell'Italia, che "è impegnata, sia in ambito nazionale sia in ambito europeo, verso investimenti molto significativi per la gestione dei flussi migratori, e su questo - ha ripetuto Minniti - c'è impegno totale e assoluto da parte dell'esecutivo.

Marco Minniti e Paolo Gentiloni
Marco Minniti e Paolo Gentiloni

L'IMPEGNO DELL'ITALIA - "L'idea di questo gruppo di contatto è un'idea preziosa e nasce da una duplice convinzione: primo è che noi siamo consapevoli che il fenomeno deli flussi migratori dall'Africa all'Europa non si esaurirà d'incanto dall'oggi al domani e chi promette miracoli da questo punto di vista, rischia di confondere e illudere l'opinione pubblica", ha detto il premier Paolo Gentiloni.

STANZIATI 200 MILIONI - Gli ha fatto eco il commissario europeo agli Affari interni, Dimitri Avramopoulos, il quale ha ricordato ancora una volta la "necessità di lavorare insieme" a livello europeo.

La Commissione Ue ha infatti confermato lo stanziamento di 200 milioni per la gestione dei flussi migratori.

Dimitris Avramopoulos
Dimitris Avramopoulos

Avramopoulos ha anche riconosciuto che "il nostro Paese è stato sottoposto a una pressione fortissima" sotto il profilo dei flussi migratori illegali ma ha voluto rassicurare sul fatto che "l'Italia non è sola, l'Unione europea è al suo fianco. La sfida con cui ci si confronta non è europea o africana, è globale e condivisa".

Inoltre, entro la metà di maggio avverrà la consegna alla Libia delle prime motovedette che l'Italia ha in custodia dal 2011, poi si provvederà all'allestimento di campi di accoglienza nei Paese africano con l'obiettivo del "pieno rispetto dei diritti umani" e il coinvolgimento anche per questo di organizzazioni internazionali come l'Oim e l'Unhcr.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

12 commenti

  • Yipluca 21/03/2017 16:52:33

    "La Commissione Ue ha infatti confermato lo stanziamento di 200 milioni per la gestione dei flussi migratori" , questa per loro sarebbe la soluzione... dare più soldi alle mafie dell'accoglienza. complimenti.
  • VEPA 21/03/2017 08:40:44

    Parole, parole, parole.................parole, parole, parole.................parole, parole, parole..................e grasse magnate.
  • LAPUA338 21/03/2017 08:18:13

    Una frase che descrive il suo mentore Renzi.... Questi pagliacci ci stanno portando una guerra in casa.
  • pilotax 21/03/2017 07:12:14

    L'Europa stanzia altri 200 milioni di euro...Per incrementare il trasbordo dalla Libia all'Italia! Abbiamo veramente dei governanti incapaci e pagliacci!
  • MARIANO47 21/03/2017 07:06:19

    basta con queste riunioni, x salvarsi la faccia, basta mandare navi a pescarli in mezzo al mare,a quando il rimpatrio di questa gentaglia, x colpa di questi politici ci stiamo riempemdo di tutta questa gente nullafacenti, noi nn ne vogliamo più che siano rimpatriati tutti, e smettetela di scrivere che siamo felici di ospitarli, nn ne vogliamo
  • numeronove 20/03/2017 23:57:59

    È tutto talmente bene evidenziato dai commenti che niente c è da aggiungere, se non il massimo disprezzo per le istituzioni. Saludos
  • Chiara_71 20/03/2017 21:33:35

    Giano, ha ragione, ed è ancora più scandaloso perchè dei veri poveri/disagiati/in guerra non importa a nessuno. Con tutti quei soldi, se investiti bene, avrebbero potuto sollevare interi paesi, e invece stanno trascinando l'Europa nella povertà, tranne chi campa con i traffici, come evidenzia lei
  • Shaggy66 20/03/2017 21:08:46

    Giusto Gentiloni, quindi avvisate.quelli che si accingono a partire che da noi non c'è futuro neanche per gli italiani, figuriamoci per i clandestini.
  • alexander5 20/03/2017 17:56:40

    il conte gentiloni evidentemente non conosce le politiche migratorie australiane (tra parentesti l'australia é tra i dieci paesi al mondo con la migliore qualità di vita); lì non vanno a prendere quelli che il treccani definirebbe clandestini. E infatti il problema manco si pone da quelle parti. Ma poi sto gentiloni ma chi l'ha votato? chi l'ha voluto? almeno taccia
  • Giano 20/03/2017 16:41:15

    Ottimo lavoro, Gentiloni. E gli effetti si vedono. Nelle ultime 48 ore hanno imbarcato 3.000 migranti; "salvati nel Canale di Sicilia", dicono i media. In realtà imbarcati appena fuori dalle acque libiche. Se tutto va secondo le previsioni gli arrivi quest'anno saranno raddoppiati rispetto all'anno scorso (250.000, dicono). Affari d'oro per coop, associazioni, Caritas, albergatori in crisi, per chi li assiste e tutela. L'unico business del turismo che funziona davvero in Sardegna. Auguri.