Cronaca » Nule

Delitti Monni e Masala, negli smartphone
le prove decisive sul duplice omicidio?

Martedì 28 Febbraio alle 06:59 - ultimo aggiornamento alle 17:32


Stefano Masala e Gianluca Monni

Serve più tempo per analizzare il contenuto dei tre telefonini sequestrati ad Alessandro Taras, il super testimone dell'inchiesta sugli omicidi dello studente di Orune Gianluca Monni, 19 anni, e del giovane di Nule, Stefano Masala, di 29, avvenuti tra il 7 e l'8 maggio 2015.

Per questo il consulente informatico Giancarlo Rosa, che avrebbe dovuto consegnare oggi la sua relazione in occasione dell'incidente probatorio in tribunale a Nuoro, ha chiesto e ottenuto una proroga. Il Gip Mauro Pusceddu ha fissato la nuova udienza per il 17 marzo.

Nei telefonini la Procura cerca le prove contro Alberto Cubeddu, il 21enne di Ozieri accusato di duplice omicidio volontario premeditato insieme al cugino Paolo Enrico Pinna, minorenne all'epoca dei fatti, e ora a processo davanti al tribunale dei minori di Sassari. Taras aveva infatti raccontato di aver visto Cubeddu bruciare la Opel Corsa di Masala il giorno dopo la sua misteriosa scomparsa, per la quale si procede ora con l'ipotesi di omicidio e occultamento di cadavere.

Secondo l'accusa, l'auto sarebbe stata utilizzata per raggiungere Orune e uccidere a sangue freddo lo studente mentre aspettava il pullman per andare a scuola. Il 13 febbraio scorso la pm di Nuoro Emanuela Porcu ha chiuso le indagini nei confronti di Cubeddu con una certezza: è stato lui a sparare e ammazzare Gianluca Monni, una tesi che contrasta con l'inchiesta di Sassari, che attribuisce invece a Pinna la responsabilità del delitto. Per questo c'è molta attesa per le dichiarazioni che il giovanissimo imputato ha chiesto di rilasciare in aula nell'udienza del 2 marzo prossimo.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • dadaolta 28/02/2017 10:09:06

    Se Nuoro dice Cubeddu e Sassari dice Pinna...non è che le PROVE VERE sono Zero e si va come al solito per "teoremi"? "Remember" Barbagia Flores...