Cronaca » Gran Bretagna

Tony Blair torna in campo contro Brexit: "Serve un nuovo referendum"

Venerdì 17 Febbraio alle 16:06 - ultimo aggiornamento alle 16:51


L'ex premier britannico Tony Blair

Tony Blair è tornato in campo schierandosi contro la "Brexit ad ogni costo".

L'ex premier laburista è intervenuto oggi nella sede del gruppo Open Britain a Londra per parlare della prossima uscita del Regno Unito dall'Unione europea.

"La gente ha votato senza conoscere i veri termini della Brexit. Una volta che questi sono divenuti chiari, sono nel pieno diritto di cambiare idea", ha dichiarato.

Secondo Blair l'esito del referendum popolare del 23 giugno scorso dovrà essere in qualche modo ridiscusso, magari con un secondo referendum, quando sarà "chiaro il senso di dove si sta andando".

Ha poi criticato il Primo Ministro Theresa May per come sta guidando questo passaggio storico, parlando della sua politica come "un'accozzaglia di contraddizioni".

Immediate le reazioni di alcuni esponenti politici: se l'ex leader dell'Ukip Nigel Farage ha definito l'ex premier "uomo di ieri", il ministro degli Esteri, Boris Johnson, ha invitato i connazionali "ad alzarsi e spegnere la televisione la prossima volta che Blair se ne esce con questa campagna".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

11 commenti

  • alexander5 20/02/2017 16:53:40

    forse hanno assunto Blair nello staff di scherzi a parte...i risultati positivi in termini economici si sono già visti nonostante l'uscita non sia stata completata. E poi non avranno clandestini imposti dall'EU in mezzo alle scatole. Meglio di così...
  • Giano 18/02/2017 17:27:28

    (2° invio) Ha ragione Blair; il referendum va bene, ma solo se vinciamo noi, altrimenti bisogna rifarlo. Lo ha detto anche Napolitano che un argomento così importante non si può lasciare al "suffragio universale", al voto popolare (lui che ha nominato 4 premier non eletti dal popolo ne sa qualcosa). E che diamine, queste cose si decidono nei salotti della politica, mica si lascia che decida il popolo. Questi sono quelli che passano per "democratici"; figuriamoci gli altri.
  • Entu 18/02/2017 14:08:38

    Questa uscita di Tony Blair testimonia che meglio avrebbe fatto a rimanersene chiuso nel cantuccio. E conferma che egli è proprio il peggio che dicono di lui.
  • Marcolijno 18/02/2017 11:16:49

    Erano tutti a bere quando spiegavano le implicazioni sul referendum. Sembra una battuta, invece..
  • Eucalyptus 18/02/2017 10:47:56

    Blair è affetto da una strana forma allergica verso la democrazia. Anche la camera dei comuni ha votato a favore del Brexit, ma lui, nella sua “immensa onniscienza” sa perfettamente che anche questa votazione non è quella corretta. D’altronde non è stato forse uno degli sponsor della santissima guerra contro l’Iraq? Come si fa a non dargli fiducia? E se le previsioni apocalittiche in merito ai danni del Brexit non trovano riscontro nella realtà è perchè anche la realtà sbaglia.
  • Chiara_71 18/02/2017 10:43:24

    @togno, la Chiara penza che uno che scrive kiss my ass (come hai fatto tu) rivolto ad altri utenti che esprimono civilmente un'opinione non abbia bisogno di ulteriori commenti ;)
  • user220836 18/02/2017 08:53:17

    Che buffone...il referendum serve a lui, per cavalcare e giustificare il suo ritorno in politica
  • togno 18/02/2017 07:28:06

    E la Chiara cosa ne penza?
  • Chiara_71 17/02/2017 22:58:44

    1madino sono d'accordo col tuo post e mi chiedo come possa solo passare nella testa di Blair una proposta simile... Però il,fatto che la gente non fosse adeguatamente informata dalle rispettive campagne elettorali non è un'idea così bislacca. Mi ricordo anche che nell'immediato dopo Brexit qualche leader del Leave rettificò alcune dichiarazioni. Interessanti alcuni commenti di questo articolo http://www.independent.co.uk/news/uk/politics/brexit-eu-referendum-campaigns-crown-prosecutors-cps-complaint-a740316
  • 1madino 17/02/2017 21:16:55

    Non dobbiamo stupirci per Blair, anche in Italia, quando una certa sinistra ha perso le elezioni hanno capovolto il responso popolare con i giudici, con lo spread, con le manifestazioni ed i media e, seppur cambiando quattro premier hanno messo le radici sulle poltrone che contano. In USA gli sconfitti alle elezioni stanno ancora provando a schiaffeggiare il responso popolare, speriamo che Trump tenga duro e faccia rispettare il principio della democrazia