Cronaca » Provincia di Taranto

Delitto Scazzi, 12 persone a processo per "depistaggio"

Mercoledì 11 Gennaio alle 18:23 - ultimo aggiornamento alle 19:15


Sarah Scazzi

Nuovo capitolo del caso Sarah Scazzi, la 15enne uccisa il 26 agosto 2010 e gettata in un pozzo nelle campagne di Avetrana, in provincia di Taranto.

Dodici persone sono state rinviate a giudizio da parte del gup del tribunale di Taranto; sono accusate, a vario titolo, di falsa testimonianza, false informazioni al pubblico ministero, calunnia e autocalunnia.

Dovrà comparire davanti al giudice, nel processo che inizierà il 3 aprile, anche Ivano Russo, il ragazzo "conteso" dalla stessa Sarah e dalla cugina Sabrina Misseri, condannata all'ergastolo insieme alla mamma Cosima Serrano.

Rinviati a giudizio anche la madre Elena Baldari, il fratello Claudio Russo e l'ex fidanzata Antonietta Genovino.

Tra gli altri imputati figura anche Michele Misseri, padre di Sabrina e zio di Sarah, condannato a 8 anni per soppressione di cadavere.

Risponde di autocalunnia, perché si era addossato la colpa dell'assassinio della nipote.

CONDANNE PER COSIMA SERRANO E MICHELE E SABRINA MISSERI - VIDEO:

Video: Caso Scazzi, ergastolo a Cosima e Sabrina, 8 anni a Michele Misseri

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook