Cronaca

"Patente e libretto. E cosa fa stasera?". Agente marpione finisce nei guai

Giovedì 15 Dicembre 2016 alle 16:30 - ultimo aggiornamento Giovedì 15 Dicembre 2016 alle 17:14


Fermava le automobili al posto di blocco, ma non prima di aver scelto con cura le conducenti.

È l'accusa rivolta a un poliziotto in New Jersey che, a quanto pare, non aveva l'obiettivo di verificare assicurazioni in regola e limiti di velocità.

L'uomo, 37 anni, importunava le donne fermate chiedendo loro numeri di cellulare e appuntamenti.

Prima però spegneva il microfono che hanno in dotazione tutti gli agenti di polizia. Nei verbali falsificava il genere degli automobilisti fermati, perché nessuno si accorgesse che in pratica erano tutte donne.

La denuncia è partita da una decina di persone, di età compresa tra i 20 e i 35 anni.

L'agente, per ora sospeso dal lavoro, è accusato di molestie e manomissione di atti pubblici.

Rischia dai tre ai cinque anni di carcere, oltre a una multa di 25mila dollari.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook