Cronaca

Tasse aeroportuali, il Governo dice no
alla cancellazione: Ryanair verso l'addio

Venerdì 13 Maggio 2016 alle 21:36 - ultimo aggiornamento Venerdì 13 Maggio 2016 alle 22:08


Un aereo della Ryanair

Il Governo si rimangia l'impegno preso un mese fa davanti ai vertici della Regione e di Ryanair e annuncia che non cancellerà l'aumento delle tasse aeroportuali, quei balzelli che avevano indotto la compagnia low cost irlandese (almeno così dissero) a ridimensionare l'impegno in Sardegna e in altri aeroporti italiani gettando nello sconforto migliaia di operatori economici.

Rispondendo a una interpellanza del deputato di Unidos Mauro Pili, il Governo, rappresentato dal viceministro alla Salute, oggi ha dichiarato che "per il 2016 non ci sarà nessuna riduzione delle tasse aeree e che si valuterà eventualmente per il 2017 ma solo se il gettito sarà superiore alle previsioni".

Significa, per la Sardegna, l'addio certo alla base operativa di Alghero visto che dopo l'incontro romano, alla quale parteciparono il numero uno della compagnia Michael O'Leary e David O'Brien, plenipotenziario italiano, condizionarono la permanenza in Sardegna al mantenimento delle promesse da parte del Governo.

Michael 'O Leary, ad di Ryanair
Michael 'O Leary, ad di Ryanair

La risposta di palazzo Chigi ha suscitato l'ira di Pili ma anche quella di Francesco Pigliaru, solitamente non proprio severo nei confronti del Governo Renzi.

"È finito il bluff dei vertici romani sul futuro dei low cost in Sardegna", ha tuonato il deputato di Unidos. "Si tratta di un vero e proprio disastro, con mesi di prese in giro, e adesso con la conferma che l'ultimatum di Ryanair non ha avuto nessun riscontro: uno scenario nefasto costruito a tavolino da Governo e Regione per favorire in ogni modo il monopolio di Alitalia dedito solo alla speculazione estiva".

Mauro PIli
Mauro PIli

Il presidente della Regione usa parole altrettanto pesanti: "La Regione ha chiesto e continua a esigere che l'aumento delle tasse aeroportuali debba essere cancellato, soprattutto per una regione insulare come la nostra", ha detto Pigliaru. "Il Governo oggi indica il mese di settembre come momento in cui prenderà una decisione. Crediamo che sia essenziale invece fare molto più in fretta. Il ministro Del Rio mi ha confermato che è personalmente impegnato ad anticipare i tempi della decisione".

L'assessore ai trasporti Deiana e il presidente Pigliaru assieme ai sindaci di Alghero e Sassari
L'assessore ai trasporti Deiana e il presidente Pigliaru assieme ai sindaci di Alghero e Sassari

Pili va all'attacco: "Tutto ciò conferma la scarsissima, se non nulla autorevolezza della regione che viene trattata come una comparsa. Un Governo che sta mettendo in pratica un disegno chiaro a tutti: tagliare le compagnie low cost a tutti i livelli per favorire la compagnia italoaraba affidandole intanto il monopolio della Sardegna. Un'operazione coloniale della peggior specie che trova la complicita' di Pigliaru e compagni, ormai zerbini di questo sistema".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

28 commenti

  • Anto9 14/05/2016 20:41:23

    Certo Alitalia porta un indotto turistico maggiore di Ryan Air...infatti prima di Ryan a Cagliari per fare un esempio era pieno di turisti. Ma lo capite o no che litigare con la più grossa compagnia aerea europea che ha portato sviluppo economico ovunque è una follia!
  • Shaggy66 14/05/2016 15:21:20

    Torpedone, non ho abbastanza informazioni per giudicare la strategia aziendale di Ryanair. Probabilmente le regioni del nord est e altre danno degli aiutini in forma occulta perché riconoscono che cmq Ryanair offra un servizio vantaggioso. Forse i politici di quelle regioni sanno far meglio il loro mestiere. Io non credo ad una teoria complottista in questa vicenda ma credo solo ci sia tanta incompetenza. Comunque potrei sbagliarmi (sul complotto, non sull'incompetenza). Cordialmente.
  • bidibodibu 14/05/2016 14:44:47

    Probabilmente Ryanair vuole tagliare solo le rotte meno remunerative. Difficile che lasci le linee Cagliari-Roma, Cagliari-Milano e viceversa, sempre a pieno carico. Le tasse, sicuramente discutibili visto la loro finalità, solo un pretesto. Come si suol dire: ognuno tira l'acqua al suo mulino...i
  • Torpedone 14/05/2016 14:13:09

    @shaggy66, allora mi spieghi perchè aumenta i voli da Bergamo ad esempio? Dai lo capisci anche tu che è tutta fuffa la storia delle tasse. Togli ad alghero crotone e pescara e aggiungi a Bergamo e pisa? Saldo per lo stato sempre Zero, quindi non toglie soldi al fondo (che non è per i cassaintegrati alitalia!). E' un semplice ricatto, la richiesta di un pizzo in territori dove la bassa scolarità porta la gente a non comprendere i fenomeni in atto.
  • chicco82 14/05/2016 13:54:13

    Sono legittimi tutti i dubbi di questo mondo sul provvedimento del governo ma è giustissimo non mettersi a 90° di fronte ai ricatti di una compagnia aerea dai comportamenti molto discutibili. Una compagnia che da una parte critica e dall'altra mangia a piene mani in forme poco trasparenti. Torneranno, sanno benissimo che se non lo faranno il loro spazio sarà occupato da altri.
  • Shaggy66 14/05/2016 13:48:26

    @ Gallosardo: comunque siamo usciti un poco dall'argomento e se ci mettiamo a discutere di cassa integrazione, sprechi, ruberie, gestioni fallimentari e chi più ne ha più ne metta, non ne usciamo più. E' mai possibile che non si sia trovato il modo di convincere Ryanair a non abbandonare Alghero? Con tutti i regali che lo stato Italiano ha fatto e continua a fare ( banche, per es.) questa mi sembra veramente una mossa poco felice. Cordiali Saluti.
  • Shaggy66 14/05/2016 12:46:48

    Beh, ammetterete che per una low cost vedersi aumentare le tasse x contribuire ad un fondo di solidarietà faccia un po' specie. Poi specialmente a M. 'O Leary che non è proprio un santo. Il punto è sempre il solito: per mantenere uno stato di assistenzialismo diffuso (condivisibile o meno) si tassano le imprese private (Italiane e non) strangolandole e invogliandole a cambiare aria. Spesso si dice che in Italia non ci sia assistenza, io dico che invece ce n'è anche troppa e male distribuita.
  • bidibodibu 14/05/2016 12:37:51

    Povera Sardegna che guarda impotente senza alcun potere decisionale... Pigliaru e company semplici manichini senza voce...come tutti i loro predecessori, Pili incluso che solo ora alza la voce perchè gli manca la poltroncina dove accomodarsi e pisolare....
  • Gallosardo 14/05/2016 12:24:25

    Shaggy66 ci mancherebbe altro, nessuno pretende l'uniformità di pensiero però c'è molta disinformazione. Il sistema Ryan è questo: mi fai pagare dipendenti e tasse in Irlanda, mi dai un tot di € per ogni passeggero che porto nel tuo aeroporto e non mi fai pagare niente o quasi sui servizi di terra.Alghero paga 28€ a pax con soldi pubblici visto che non è privato.Su Alitalia d'accordo.la cassa non riguarda solo i piloti se è scandalo lo è per tutti gli ammortizzatori sociali erogati in Italia
  • Torpedone 14/05/2016 12:23:33

    @stevy578, non berti tutte le panzane. Dimmi dove vedi che i 2,50 vanno ad alimentare la casa integrazione Alitalia, come scrivi. I 2,50 euro vanno ad alimentare un fondo di solidarietà generico, come da decreto dell'anno scorso. Certo che se commentate senza nemmeno prendere la briga di informarvi. @mario_gua, certo che si, ma qui commentano solo persone che non hanno idea di cosa si parla!