#CaraUnione » Sardegna

La lettera del giorno: "Il grande lavoro della Polfer, ma i treni dove sono?"

Giovedì 06 Settembre alle 11:21


Treni in stazione a Cagliari

Pubblichiamo oggi l'amara riflessione di un pendolare circa lo stato del trasporto ferroviario nell'Isola.

***

"Gentile redazione,

leggo il vostro articolo relativo all'incessante attività della Polfer, la Polizia ferroviaria, sui treni della Sardegna nel periodo estivo.

La lettera spiega che le attività hanno consentito di identificare oltre 3mila persone grazie all'attività di 170 pattuglie nelle stazioni, 13 a bordo dei treni e 12 lungo la linea ferroviaria, scortando 26 convogli.

Bene, dunque, ma ciò che più mi ha colpito è il primo commento postato da un lettore a margine dell’articolo: "Ottimo lavoro, ora non resta che mettere i treni".

Non è ironia, ma è la dura realtà cui ogni giorno è sottoposto chi, da pendolare, si trova a vivere le vicissitudini relative al trasporto su ferro nell’Isola, con un numero di convogli inadeguato, una qualità del servizio che definirlo scadente è riduttivo. A quando una soluzione?"

G. L. - Cagliari

 
polizia ferroviaria
Sicurezza sui treni: bilancio positivo per la Polfer Sardegna

 
la stazione villaspeciosa uta
La lettera del giorno: "In Sardegna treni nuovi ma servizio obsoleto"

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • krazykasu 07/09/2018 09:37:56

    Grande è stata la mia sorpresa, alla stazione di Cagliari, nel trovare il bagno pulito. Trovare una spiegazione è stato semplice: c'era un custode e si pagava un euro. E se si facesse la stessa cosa coi treni? Pagare un biglietto vero, anziché la cifra ridicola oggi richiesta (l'equivalente di pochi litri di benzina), e avere in cambio dei treni veri? E invece il serpente si morde la coda: non ci sono i treni perché non ci sono i soldi, e non ci sono i soldi perché non ci sono i treni.
  • mraxani 06/09/2018 17:29:38

    L'articolo parla dell'attività della Polfer e non della qualità del servizio. Detto questo è bene sapere che giornalmente, solo da e per Cagliari ci sono circa 100 treni, quindi i treni ci sono, sono pochi, vecchi? Questo è un altro discorso. Mi concentrerei invece sull'attività della polizia, ormai assai ridotta, sono stati chiusi molti posti Pofer in varie stazioni, e le scorte sono quasi un ricordo. Vogliamo parlare dei treni vandalizzati con scritte, le stazioni insicure ecc. ?
  • RMr 06/09/2018 16:54:24

    La foto scelta per l'articolo è emblematica: la stazione come si presentava 20-30 anni fa, con ancora l'elettrificazione in piedi. Ma se quando si tentò di elettrificare (anni ottanta) la rete isolana per portarla al livello medio italiano dell'epoca, tutto finì in un immenso spreco di soldi e di materiale (rotabile e non), ho i miei dubbi che mai si riuscirà a portare la rete sarda a standard europei. Di quel lavoro e di quei 300 miliardi di lire oggi restano solo i pali fra Cagliari e Decimo.
  • Peppa_Piga 06/09/2018 14:12:44

    proficuo, scusate l'errore causa fretta!
  • Peppa_Piga 06/09/2018 14:11:45

    Io mi chiedo il senso delle ferrovie se poi le stess etratte sono coperte dai bus? Magari 'estendere l'orario dei bus sarebbe piu profiquo!
  • peso85 06/09/2018 13:59:06

    Ci vorranno diverse decine di anni (20-30) dopodichè la Sardegna si adeguerà allo standard qualitativo attuale del continente (Freccia bianca - Freccia rossa). Nel mentre, il continente avrà un livello qualitativo nettamente superiore.
  • Ribelle64 06/09/2018 12:43:53

    In Sardegna non sono mai stati fatti investimenti infrastrutturali per l'ammodernamento ed il potenziamento delle ferrovie.La Sardegna è, l'unica regione italiana con materiale di trazione non elettrificato e tratte a semplice binario ( e non doppio). Impossibile, nelle condizioni attuali, poter offrire un servizio su ferro adeguato in termini di velocità, quantità di passeggeri trasportati, puntualità ed efficienza.Ciò che si continua a fare finora, con ciò di cui si dispone,è notevole.