#CaraUnione » Sassari

La lettera del giorno: "Lo sfregio di Sassari alla memoria della Shoah"

Mercoledì 05 Settembre alle 11:32


Immagine simbolo

Dopo i discussi funerali del professor Giampiero Todini a Sassari, pubblichiamo oggi la lettera aperta dell'Associazione Memoriale della Shoah in Sardegna e indirizzata, anche per il tramite delle nostre pagine, al sindaco Nicola Sanna.

***

"Gentile redazione

con una coincidenza a dire poco allarmante, nel momento esatto in cui in tutta Italia iniziano a fervere i preparativi per ricordare gli 80 anni dalla promulgazione delle normative antisemite da parte del regime di Benito Mussolini e proprio nei giorni in cui si ricorda la espulsione di docenti e studenti ebrei dalle nostre scuole e università, proprio nella nostra amata Isola, ecco che in una piazzetta pubblica davanti alla chiesa di San Giuseppe in Sassari, il funerale di un docente Universitario si è svolto con riti e gesti abietti della più nera apologia di quel regime antisemita e responsabile del genocidio di 8000 Italiani di religione Ebraica nel nostro paese.

Stanno facendo il giro della Rete le immagini dei funerali fascisti di Giampiero Todini, 72 anni, docente di Storia del Diritto italiano all'università di Sassari morto il primo settembre. In città i camerati si sono riuniti davanti alla chiesa di San Giuseppe in occasione delle esequie. Nel video postato sui social network si osserva la preparazione della cerimonia: un tricolore con lo stemma dell’aquila romana viene posizionato sulla bara da Andrea Farris, responsabile di CasaPound a Sassari. Quindi, si sente una voce fuori campo: 'Camerati, attenti'. E ancora: 'Onori al professor Giampiero Todini. Camerata Giampiero Todini', seguito dal saluto romano con il braccio destro alzato e il grido 'Presente', ripetuto per tre volte.

Quanto accaduto, proprio nell'anniversario della espulsione di alunni e docenti ebrei dalle nostre scuole e università, espulsione che fu il primo passo verso il genocidio di 8000 nostri connazionali, e proprio durante i funerali di un docente della nostra Università, è per noi uno sfregio alla memoria della Shoah in Italia.

Noi della Associazione Memoriale Sardo della Shoah, impegnata non solo nel ricordo di quanto accaduto, ma anche nella militanza contro i casi attuali di antisemitismo e di intolleranza nonché di revanscismo estremista, chiediamo la chiusura immediata di Casapound Sassari, e una serie di provvedimenti legali contro quanti, in una pubblica piazza del capoluogo del nord Sardegna, abbiano consentito un simile spettacolo senza intervenire".

Associazione Memoriale della Shoah - Sardegna

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

26 commenti

  • rosalux 06/09/2018 21:53:11

    user240269, che la situazione degli italiani, e soprattutto dei sardi, sia molto grave nessuno lo nega. E ciò è colpa dei politici, nessuno escluso, che hanno pensato esclusivamente all'animaccia loro, rubando a man bassa. Ma se pensare al presente è giusto, non bisogna dimenticare le tragedie del passato. Ho visitato il ghetto ebraico di Roma e le assicuro che non è stata una bella esperienza. Nel leggere quelle lapidi che ricordavano le deportazioni mi è mancata l'aria. Sono scappata.
  • user239480 06/09/2018 10:52:55

    Vorrei ricordare che la ragione non è prerogativa di questo o quel colore, bisogna sempre giudicare le situazioni di volta in volta. Per avere una italia migliore avremo bisogno di politici onesti, capaci e non guasterebbe un pochino di umiltà e altruismo, purtroppo al momento non vedo nulla di tutto questo. Se una volta tanto alle parole seguissero i fatti non potremo che apprezzare, ma non resta troppo tempo e la gente è stanca di aspettare.
  • user240269 06/09/2018 10:06:32

    rosalux 05/09/2018 23:31:22, Bisogna pensare al razzismo sinistro concausa dei lutti odierni, alla democrazia gestita dai Pi Dioti, che ha allontanato tanti onesti padri di famiglia costringendoli al suicidio per lasciare le famiglie nella più nera disperazione. Al Pi Diotismo che senza leggi razziali scritte di fatto é profondamente razzista nei confronti degli italiani-sardi.
  • nur 06/09/2018 07:51:55

    Che noia....Pensa che quando vedo falce e martello penso alle povere vittime dei Gulag e penso con schifo ai vari politici comunisti italiani sostenitori del marxismo-leninismo.O vogliamo parlare di chi difende Tito?
  • user239480 06/09/2018 07:28:12

    Concordo con Brent, PietroPaolo2 e Sardofelix, anche se le argomentazioni differiscono fra loro le trovo tutte condivisibili.
  • SpartacusVin 06/09/2018 07:17:52

    che tristi notizie, come quelle del vilipendio alla memoria delle vittime delle foibe che spesso non vengono neanche menzionate dai solerti media. ma lo sappiamo bene come funziona l'italia del politicamente corretto che maschera per decenni gli orrori del comunismo, condanna le leggi razziali e contemporaneamente accusa e insulta israele
  • Panis01 06/09/2018 00:15:51

    In linea di principio non approvo la presunzione di appartenenza al circolo "migliore" perché altro non fanno che fomentare l'odio sul presunto avversario e in moltissimi casi sono violenti quanto gli antagonisti. Dico questo perché la storia ci ha mostrato abomini perpetrati anche da chi riteneva essere dalla parte giusta e questo non è onorevole se si lotta per una causa umanitaria. Molte federazioni o associazioni farebbero bene a cambiare nome piuttosto che sbandierare appartenenze ipocrite.
  • rosalux 05/09/2018 23:31:22

    @Gigi5, non mi vergogno per nulla. Non ho insultato dei pacifisti e dei fraticelli cercanti, ma degli sciagurati che hanno inscenato una commemorazione vergognosa. Non sa, o finge di non sapere, che sotto il fascismo furono promulgate le famigerate leggi razziali che hanno allontanato dall'Italia tanti eminenti studiosi e hanno seminato lutti e morte?
  • Pietropaolo2 05/09/2018 19:56:09

    user0000001- pensa che io quando vedo in giro a sventolare bandiere rosse con falce e martello cantando slogan pietosi la penso come te... poveri figli, mogli e meschini anche loro, ancora ancorati ad una illusoria ideologia ...
  • gigi5 05/09/2018 19:39:27

    @ Rosalux, si vergogni per il suo "repertorio democratico" infarcito di insulti e contumelie...